Truffa produttori di olio con assegni "francesi": montesilvanese denunciato dalla polizia

Insieme ad un complice aveva pagato una fornitura di 1mille litri con un titolo con firma disconosciuta dall'istituto bancario. Scoperti altri assegni rubati

Truffa produttori di olio con assegni "francesi": montesilvanese denunciato dalla polizia

CANZANO: PRODUTTORI D'OLIO TRUFFATI DA MONTESILVANESEAveva venduto 1.000 litri di olio ed aveva ricevuto in pagamento un assegno di un Istituto di Credito francese per un importo di 6.500 euro mentre altro suo conoscente aveva venduto 1.200 litri per un importo di 7.300 euro, anche questo saldato con assegno dello stesso Istituto di Credito. E’ stato così che C.P., produttore di olio di oliva di Canzano, presentatosi in banca per depositare l’importo della vendita ha scoperto che l’assegno non poteva essere riscosso poiché la firma apposta era stata disconosciuta dalla banca emittente.

Analogamente anche al secondo produttore,  T.M., proprietario di un’azienda agricola in Castelnuovo Vomano, è stata confermata l'amara sorpresa del collega produttore di olio d'oliva.

Ieri sera, però, C.P. nel transitare a San Nicolò a Tordino, ha riconosciuto il furgone che si era presentato per ritirare presso il suo deposito la merce venduta, scoprendo che il conducente del mezzo era proprio l’uomo con cui aveva concluso le trattative per la vendita dell’olio di oliva.

Immediatamente ha avvertito il “113” il quale ha inviato un Volante subito sul posto.

Accompagnato in Questura, l’uomo riconosciuto dal truffato, non ha potuto non ammettere le proprie responsabilità ed è stato perciò denunciato  in concorso con altri da identificare, visto che l’uomo, C.A., sessantanovenne di Montesilvano, non solo quando ha effettuato le trattative, è stato riconosciuto anche dall’altro produttore truffato per il maggiore importo.

A seguito di perquisizione personale gli Agenti hanno anche rinvenuto nella tasca del giubbino che indossava due assegni in bianco emessi da Poste Italiane – Filiale di Pescara, risultati però essere stati denunciati come smarriti da un cittadino di Caserta.

Sono in corso ulteriori accertamenti per individuare il complice che insieme a C.A. ha intessuto le trattative con i produttori ed ha provveduto al ritiro delle lattine dell’olio presso le aziende degli stessi, nonché eventuali legami con altri soggetti che gli abbiano procurato gli assegni in bianco di Poste Italiane sopra citati.   

Redazione Independent

giovedì 14 aprile 2016, 13:01

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
produttore olio
canzano
assegni
truffa
notizie
montesilvanese
castelunovo
Cerca nel sito