Trivelli? Ma per fare che?

La Regione presenta a Bruxelles il progetto Powered: pali (40-60 metri) nel bel mezzo del mare Adriatico

Trivelli? Ma per fare che?

ENERGIA. LA REGIONE PRESENTA POWERED. Il Progetto Powered, per l'installazione di una rete di anemometri in mare e lungo le coste dell'Adriatico, sarà illustrato dal direttore degli Affari della Presidenza, Antonio Sorgi, nel corso del dibattito su 'Macroregione Adriatico-Ionica: azioni di cooperazione transnazionale, crossboarder e interregionale per preparare la strada da percorrere' che sarà ospitato a Bruxelles, il 10 ottobre alle ore 9, nello spazio della Banca Monte Paschi Belgio (Avenue d'Auderghem 22-28 - 1040).

IL PROGETTO E GLI OBIETTIVI. Il "Progetto Powered", il più importante finanziato dal Programma Transfrontaliero Ipa Adriatico con uno stanziamento di circa 4 milioni e 400 mila euro, prevede l'installazione di un rete di anemometri in mare e lungo le coste dell'Adriatico, su pali di altezza varabile tra i 40 e i 60 metri per raccogliere dati scientifici sofisticati sulle evoluzioni climatiche dell'area. L'obiettivo è determinare se esistono le condizioni per investire nell'eolico offshore in Adriatico L'evento, che fa parte della "10a Settimana europea delle Regioni e delle Città", evento ospitato a Bruxelles dall'8 all'11 ottobre 2012, è organizzato dalla Regione Abruzzo (che è la Regione capofila) insieme ai partner della "Macroregione Adriatico-Ionica": Repubblica di Slovenia (SI), Regione Basilicata (IT), Dubrovnik – Regione di Neretva (HR), Regione Emilia Romagna (IT), Cantone Erzegovina-Neretva (BH), Regione Marche (IT), Regione Molise (IT), Nisava, Distretti Toplica e Pirot (RS), Regione Puglia (IT), Republika Srpska (BH), Regione Sicilia (IT), distretti Sumadija-Pomoravlje (RS)

giovedì 04 ottobre 2012, 10:33

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
progetto
powered
trivelle
pali
adriatico
investire
eolico
notizie
regione
abruzzo
obiettivi
Cerca nel sito

Identity