Trasferimento Ipssar Pescara: consiglio comunale straordinario

Tutti contro lo spostamento dell'Alberghiero De Cecco a Cepagatti. Questa mattina si preannuncia un clima incandescente

Trasferimento Ipssar Pescara: consiglio comunale straordinario

ALBERGHIERO DE CECCO, UN CONSIGLIO COMUNALE STRAORDINARIO. L’Alberghiero “De Cecco” di Pescara, che qualche tempo fa salì all’onore delle cronache per un cedimento strutturale, sarà al centro del consiglio comunale straordinario convocato per questa mattina a partire dalle ore 9. Negli ultimi giorni, infatti, si sono sollevate nuove polemiche intorno a questo Istituto perché, ad anno scolastico pienamente iniziato, il ‘De Cecco’ versa in condizioni tali da rendere l’attività didattica quasi impossibile: la palazzina centrale è fatiscente, i laboratori sono inagibili e manca una palestra dove svolgere le lezioni di educazione fisica. La Regione, di conseguenza, ha prospettato la possibilità di trasferire le lezioni presso l’Istituto Agrario di Villareia di Cepagatti. Gli studenti dell’Ipssar hanno tenuto una manifestazione per protestare, e il Blocco Studentesco, associazione legata al movimento CasaPound Italia, si è unito alla mobilitazione: “Siamo pienamente solidali con gli studenti, in quanto condividiamo appieno le ragioni della loro protesta – ha affermato Alfredo Mangia, responsabile pescarese del Blocco Studentesco – Tutto ciò dimostra quanta distanza ci sia tra i proclami del governo sulla ‘Buona Scuola’ e lo stato effettivo degli edifici scolastici sul territorio. All’incontro pubblico con le istituzioni provinciali, da noi sollecitato e ottenuto per lunedì 19 ottobre, chiederemo il recupero dell’ex colonia marina ‘Stella Maris’ a Montesilvano, soluzione da noi proposta già nel 2011 e che registra un ampio consenso”.

NO AL SACCHEGGIO DI PESCARA. Nel frattempo alcune associazioni, con in testa Confcommercio, hanno chiesto a gran voce di non far cambiare sede agli studenti del “De Cecco” perché questo significherebbe “saccheggiare Pescara”, andando a “sradicare un istituto scolastico finalizzato a creare figure professionali per il turismo dal territorio maggiormente vocato a tale settore, e cioè la litorale Pescara-Montesilvano”. Anche Confcommercio propone, come alternativa, la Stella Maris. Tuttavia il sindaco Marco Alessandrini e la sua maggioranza hanno rassicurato la popolazione, garantendo di portare avanti “un'azione finalizzata a conservare nella città questa importantissima scuola superiore”. È per tale motivo che il Comune chiederà alla Regione Abruzzo di sospendere l'efficacia della Delibera di Giunta Regionale n. 825 dell'8 ottobre 2015, riaprendo la fase pubblica attraverso una manifestazione di interesse, e di ottenere dal Ministero per l'Istruzione la proroga della scadenza dei termini per la presentazione delle istanze del bando per la “Costruzione di scuole innovative”. In via transitoria, inoltre, si è già provveduto a mettere a disposizione, per il nuovo anno scolastico, 8 aule attrezzate presso il complesso dell'ex circoscrizione di Piazza Grue.

IL MOVIMENTO 5 STELLE ATTACCA D’ALFONSO. Critici, nei confronti della Regione, sono il deputato Gianluca Vacca e il consigliere regionale Domenico Pettinari, entrambi del M5S: “Non è possibile – avvertono – continuare con questo metodo decisionale caro al presidente D'Alfonso, secondo il quale le decisioni devono essere calate dall'alto senza nessuna condivisione con i diretti interessati. La proposta è stata immediatamente contestata da tutti, Enti e istituzioni coinvolte, poiché è insensata per due motivi principali: 1) sono già stati stanziati delle risorse per la manutenzione dell'Istituto Alberghiero; 2) le difficoltà logistiche che dovrebbero affrontare i tantissimi studenti dell'istituto, 1800 che provengono da tutta la regione e anche da fuori, sarebbero enormi e li penalizzerebbero notevolmente, considerando lo stato dei trasporti pubblici regionali”. I pentastellati chiedono, anche attraverso un'interpellanza urgente, l'immediata revoca della delibera di giunta regionale e “una maggiore condivisione sulla destinazione dei finanziamenti per la costruzione di un nuovo istituto scolastico nella provincia di Pescara”.

UN NUOVO EDIFICIO NELL’AREA METROPOLITANA. Anche Forza Italia esprime il suo dissenso, soprattutto dopo che l’assessore regionale ai lavori pubblici, Donato Di Matteo, ha annunciato l’avvio di un progetto preliminare per la realizzazione di un edificio scolastico ex novo in una zona strategica dell’area metropolitana. “Si tratta di un progetto scellerato, insensato”, dichiarano il capogruppo regionale Lorenzo Sospiri e il consigliere comunale Fabrizio Rapposelli (ex assessore all’edilizia scolastica della Provincia di Pescara), che parlano di “un vero scippo” in merito al paventato trasferimento dell’Alberghiero ‘De Cecco’: “Fare una cosa del genere – sostengono – significa non avere alcuna idea di cosa significa amministrare il territorio”. Insomma, questo spostamento non s’ha da fare. In attesa di capire cosa uscirà fuori dal consiglio comunale odierno.

Redazione Pescara

lunedì 19 ottobre 2015, 07:38

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
crollo
intonaco
istituto
alberghiero
pescara
cronaca
commissione
solidarieta
Cerca nel sito