Teramo: straniera rinviata a giudizio per occultamento di cadavere

Una 35enne tenne con sè il corpicino del figlio nato morto. Le indagini scattarono dopo che lei si presentò al Pronto Soccorso

Teramo: straniera rinviata a giudizio per occultamento di cadavere

TERAMO: 35ENNE RINVIATA A GIUDIZIO PER OCCULTAMENTO DI CADAVERE. Un 35enne romena, residente a Teramo, è stata rinviata a giudizio dalla Procura di Teramo per avere tenuto con sè, lo scorso novembre, il corpicino del bambino nato morto.

Secondo gli inquirenti il piccolo venne tenuto dalla donna almeno per una settimana dopo il parto. La scoperta è stata fatta dopo che la stessa si era recata al Pronto Soccorso dell'Ospedale "mazzini" con una forte emorragia e accompagnata da due bimbi piccoli. 

I medici scoprirono subito che era legata al parto così avvisarono i carabinieri che scoprirono il corpo del bambino morto a casa.

Redazione Independent

martedì 05 maggio 2015, 08:37

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
donna
pronto soccorso
occultamento di cadavere
emorragia
teramo
notizie
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Consumismo Americano

Società

di Benny Manocchia

Leggi americane

Storia

di Benny Manocchia

C'era una volta in America

Sport

di Benny Manocchia

Quando Pelé mi disse..

Storia

di Benny Manocchia

Playboy italo-americano