Tassati anche gli stranieri

Pubblicate le nuove tariffe per il rilascio/rinnovo dei permessi di soggiorno. Importi cresciuti sino a 200 euro

Tassati anche gli stranieri

NUOVE TASSE PER GLI STRANIERI - Alla fine anche per i cittadini stranieri, residenti nel territorio italiano, sono arrivate le tasse. Sulla Gazzetta Ufficiale n.304, del 31 dicembre 2011, è stato pubblicato il decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze concernente il contributo economico che gli stranieri devono versare per il rilascio/rinnovo del permesso di soggiorno.

TARIFFE E DURATA - Nel provvedimento, all'art. 1 vengono stabiliti gli importi dovuti dallo straniero, la cui entità varia in relazione alla durata dell'autorizzazione al soggiorno, come di seguito riportato:

a) euro 80 per i permessi di soggiorno di durata superiore a tre mesi e inferiori o pari ad un anno;

b) euro 100 per i permessi di soggiorno di durata superiore ad un anno e inferiore o pari a due anni;

c) euro 200 per il rilascio del permesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo e per i richiedenti il permesso di soggiorno ai sensi dell'art. 27, comma 1 lett. a) del decreto legislativo n.286/98 (dirigenti o personale altamente specializzato di società aventi sede o filiali in Italia, ovvero di uffici di rappresentanza di società estere che abbiano la sede principale di attività nel territorio di uno Stato membro dell'organizzazione mondiale del commercio, ovvero dirigenti di sedi principali in Italia di società italiane o di società, di altro Stato membro dell'Unione).

CASI DI ESCLUSIONE - Sono esclusi dal versamento del contributo, ai sensi dell'art. 3, le sottonotate categorie di stranieri:

a) stranieri regolarmente presenti sul territorio nazionale di età inferiore ai 18 anni;

b) stranieri di cui all'art. 29, comma 1 lett b) del decreto legislativo n.286/98 (figli minori che fanno ingresso per ricongiungimento familiare);

c) stranieri che fanno ingresso in Italia per cure mediche e loro accompagnatori;

d) stranieri richiedenti il rilascio e rinnovo del permesso di soggiorno per asilo, per richiesta asilo, per protezione sussidiaria, per motivi umanitari;

e) stranieri richiedenti l'aggiornamento o la conversione del permesso di soggiorno in corso di validità.

SI PAGA ALLE POSTE - Vale sottolineare che, ai sensi dell'art. 1, comma 2, il contributo in parola si va ad aggiungere agli oneri già a carico dello straniero relativi al costo del permesso di soggiorno elettronico, nonché alle spese relative all'accettazione delle istanze presso gli uffici postali e dell'imposta di bollo, che non subiscono variazioni. L'onere del pagamento del contributo in parola decorre dal trentesimo giorno dalla pubblicazione del decreto, pertanto riguarderà le istanze presentate a partire dal 30 gennaio 2012. Per quanto attiene alle modalità relative al versamento, il decreto in oggetto stabilisce che l'importo del contributo e del permesso di soggiorno elettronico devono essere versati in un'unica soluzione, tramite bollettino, sul conto corrente postale nr. 67422402, intestato a:  Ministero dell’Economia e Finanze Dipartimento del Tesoro, con causale “importo per il rilascio del permesso di soggiorno elettronico” disponibile presso tutti gli uffici postali.

mercoledì 01 febbraio 2012, 15:38

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
tariffe
permessi di soggiorno
stranieri
extracomunitari
italia
Cerca nel sito