Svizzera, Grecia e Bce: sui mercati è alle porte un movimento esplosivo

Gli eventi di questi giorni potrebbero dare il via ad un movimento direzionale importante. Segui l'analisi del consulente Andrea Iacone

Svizzera, Grecia e Bce: sui mercati è alle porte un movimento esplosivo

FINANZA: SUI MERCATI E' ALLE PORTE UN MOVIMENTO IMPORTANTE. Svizzera, Bce e Grecia: un inizio d’anno col botto! La Banca nazionale svizzera, il QE in Europa e le elezioni in Grecia potrebbero essere la scusa per far partire sui mercati un movimento di una certa entità. Partiamo dalla Svizzera, giovedì scorso, con una mossa a sorpresa la Snb ha deciso di chiudere il cambio fisso del franco contro euro fissato a 1,20 lo scorso 2011. La decisione fu presa a quei tempi per non far apprezzare ulteriormente la moneta favorendo le esportazioni e la tenuta dell’economia. Tale decisione ha provocato un movimento sul mercato forex credo senza precedenti nella storia, il cambio EUR-CHF si è portato da 1,20 a 0,85 in un quarto d’ora. Grande apprezzamento del franco proprio quello che non volevano gli svizzeri e crollo della borsa, un calo a doppia cifra per lo Smi. Molto probabilmente infatti la rivalutazione della moneta elvetica porterà la Svizzera in recessione.

 Molto probabilmente in Svizzera hanno pensato che non sarebbero stati più in grado di sostenere il cambio fisso ad 1,20 con alle porte l’inizio del quantitative easing in Europa, dopo anche il via libera dato giorni prima dalla corte Ue.  Anche sulle borse si è avuto un forte movimento al ribasso per poi risalire, in Europa i mercati hanno chiuso fortemente positivi. La chiusura del dax anche sul weekly  sui massimi non è da sottovalutare. Altro evento importante sarà giovedì prossimo la tanto attesa riunione della Bce. Saranno proprio le scelte di Draghi e l’inizio del QE in Europa a dare finalmente il via ad un movimento direzionale e di una certa entità sul mercato? Il mercato credo che abbia già  scontato l’inizio del QE, ma come sarà,  la portata e le modalità saranno più chiare solo giovedì. E’ possibile che Draghi faccia più chiarezza  ma magari rimandi l’inizio,  forse per aspettare le elezioni in Grecia di domenica prossima altro appuntamento importante da tenere d’occhio.  Sarà il mercato europeo la scommessa da cavalcare nel 2015 come dicevo qualche mese fa?

 

 

 

 

 

 I mercati soprattutto in Europa si stanno muovendo ormai in un estenuante movimento laterale da mesi. Ftse mib tra i 18000 e i 20000 punti. I 18000 punti testati cinque volte negli ultimi giorni e mercato sempre ripartito da quei livelli. Dax ingabbiato in circa mille punti da ormai un anno. Se è stata una  accumulazione il mercato è pronto a volare. C’è stata la rottura al rialzo proprio venerdi,  rottura sul settimanale e chiusura sui massimi. Non credo che sia una falsa rottura o una bull trap , vedremo. Non so quale sarà la scusa e se questo movimento sarà al rialzo, credo di si, ma di una cosa sono certo, sui mercati, su tutti quello europeo, partirà un fortissimo movimento direzionale, il movimento sarà di ampia portata e breve nel tempo in cui questo si realizzerà. Credo che non si farà in tempo a realizzarlo che sarà già finito!!

 

 Andrea Iacone

Consulente finanziario

 

Disclaimer: Le informazioni, analisi e commenti non sono da considerare una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di prodotti finanziari. Chi scrive declina da ogni responsabilità e chiunque effettui operazioni e investa i propri risparmi prendendo spunto dal contenuto di questo articolo lo fa a proprio rischio e pericolo

 

domenica 18 gennaio 2015, 14:05

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
mercati
finanza
svizzera
euro
esportazioni
economica
borsa
crollo
Cerca nel sito