Storie di scommesse assurde

Matthew Webb ha perso la vita scommettendo su se stesso: è annegato mentre tentava di attraversare a nuoto le cascate del Niagara

Storie di scommesse assurde

Storie di scommesse assurde

Le scommesse sono una passione e rappresentano per molti una sfida tanto coinvolgente da spingere a scommettere su qualsiasi cosa, per quanto questa possa apparire assurda. Questo tipo di scommesse “curiose” che spesso si trasformano in leggenda, sono più diffuse di quanto si possa immaginare ma, ovviamente, il mondo delle prestazioni sportive è quello che fornisce più materiale ai bookmakers e ai migliori siti di scommesse online come questo.

Se c'è stato chi, come il giovane Ashley Revell, nel 2004, ha svuotato i propri conti bancari e venduto tutti i suoi beni inclusi vestiti, televisore e stereo, per giocare l'intera somma ricavatane alla roulette, c'è invece chi, come Matthew Webb, dopo essere stato il primo uomo ad attraversare il Canale della Manica, ha successivamente scommesso 10.000 dollari sulla propria abilità nell'attraversare a nuoto i mulinelli che agitano le acque al di sotto delle Niagara Falls. Purtroppo Webb aveva però sopravvalutato le proprie capacità e perse la scommessae la vita annegando a metà percorso. E mentre da un lato c'è chi punta sulle proprie capacità, dall'altro c'è chi, come  Matthew Dumbrell, in barba alle previsioni dei Maya,  puntò su una scommessa data a 1/1.000.000 nella convinzione che la fine del mondo sarebbe avvenuta prima del 2000. Tanto poté il suo entusiasmo per le scommesse che evidentemente dimenticò di interrogarsi sulle reali possibilità di riscuotere il premio in caso di vincita.  

Come in ogni campo vi è poi chi, tra gli scommettitori, si contraddistingue per un “valore aggiunto”. E' il caso di Werner Herzog che, seppur con una bizzarra modalità educativa, scommise che avrebbe mangiato una delle sue scarpe qualora l'allora studente di cinema e aspirante regista Errol Morris, fosse riuscito nel suo intento di realizzare un film. Scommessa che Herzog onorò quando Morris realizzò la sua prima pellicola, Gates of Heaven. Prima di consumare la strana “prelibatezza”  durante la cerimonia di presentazione del film di Morris all'Università di Berkley, Herzog riprese in un documentario (Werner Herzog eats his shoe) la procedura di preparazione culinaria della scarpa che venne fatta bollire condita con cipolla, aglio e peperoncino. 

Redazione Independent

martedì 24 settembre 2013, 19:28

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
scommesse
assurde
cinema
storie
herzog
Cerca nel sito