Stop alle dighe sul fiume

La protesta di Italia Nostra, Ecoistituto e Mila DonnaAmbeinte in difesa del Pescara: «Basta con le centrali»

Stop alle dighe sul fiume

NO ALLE DIGHE SUL FIUME PESCARA. Le associazioni ambientaliste Italia Nostra – Marevivo - Ecoistituto Abruzzo - Mila donnambiente, che si battono fin dall’inizio contro la gravissima devastazione dell’habitat fluviale, hanno inviato da ieri alla Regione Abruzzo Commissione VA-VIA, le osservazioni contro le Centrali ex Sidital oggi Energia Verde , i cui lavori sono attualmente sequestrati dalla Magistratura. «Giovedì 14 - scrivono in una nota - saremo impegnati a seguire l’udienza del Processo sui "veleni" di Bussi, nel quale siamo parti civili. Pertanto invitiamo caldamente i mezzi d’informazione a continuare a seguire anche la vicenda delle Centrali Idrolettriche sul Pescara, arrivate oggi a uno snodo decisionale importante». Gli ambientalisti, in sostanza, chiedono che le 2 Centrali, oggi sotto sequestro, siano assoggettate a VIA. «Ricordiamo - aggiungono gli ambientalisti - che quei lavori devastanti sul fiume, già visibili nella loro enormità dal parcheggio Auchan-Mall, sono stati a suo tempo autorizzati dalla Regione Abruzzo senza alcun passaggio in Valutazione d’impatto! Solo dopo il sequestro della Magistratura e le perizie del Genio Civile, si ridiscute della questione per eventualmente sanarne le difformità»Il Fiume Pescara è l’elemento ambientale più importante del nostro territorio e la devastazione del suo corso e del suo equilibro ecologico incide direttamente sulla qualità di tutta l’acqua circolante, sulla sicurezza della valle, sulla bellezza del paesaggio, sulla funzionalità della foce e del porto-canale di Pescara.

Marco Beef

martedì 12 marzo 2013, 18:04

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
dighe
fiume
pescara
magistratura
sequestro
notizie
Cerca nel sito