Slavina killer travolge e uccide due alpinisti sul Corno Piccolo

Ancora due vittime sul Gran Sasso: i corpi di due uomini sono stati recuperati a quota 2.400 metri in località Canale di Mezzo

Slavina killer travolge e uccide due alpinisti sul Corno Piccolo

GRAN SASSO KILLER: ALTRE DUE VITTIME DI QUESTO INVERNO MALEDETTO. Ancora una volta la montagna d'Abruzzo non perdona e siamo qui a scrivere di due vittime decedute sul Gran Sasso. Questa volta è stata una slavina killer, forse provocata dall'innalzamento delle temperatore ovvero provocata da un gruppo di escursionisti, a travolgere e uccidere due persone sul versante del Corno Piccolo, a quota 2.400 sul Corno Piccolo, in località Canale di Mezzo.

Una delle vittime è Pino Sabbatini, 51 anni, sposato con una figlia, molto noto a Teramo perchè esperta guida alpina e volontario del CNSAS (Corpo Nazionale Soccorso Alpino), tecnico di elisoccorso e capo stazione del Cnsas sezione di Teramo. Non c'è l'ha fatta nemmeno il compagno David Remigio, 43 anni, pescarese, appassionato di alpinismo e di sport estemi, molto noto in città per la sua simpatia ed il suo sorriso gentile.

A recuperare i corpi, precipitati per circa 300 metri verso i Prati di Tivo, il personale del Corpo Nazionale Soccorso Alpino. Sul posto elicotteri del 118, del soccorso alpino della Forestale di Pescara e di Rieti con medici e unità cinofile.

Redazione Independent

lunedì 15 dicembre 2014, 23:50

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
morti
gran sasso
corno piccoli
canale di mezzo
slavina
abruzzo
pino sabbatini
david remigio
Cerca nel sito

Identity