Silvi. Chiude la Dime Resine

L'impresa soffocata dal peso degli insoluti e dalla mancanza di credito. Cassa integrazione per 18 lavoratori

Silvi. Chiude la Dime Resine

SILVI. DIME RESINE CHIUDE - L’azienda Dime Resine, con sede a Silvi, ha chiuso, questa mattina accordo al Ministero del Lavoro. «L’impresa soffocata dal peso degli insoluti e dalla mancanza di credito, un caso emblematico», ha affermato l’assessore Ezio Vannucci. E questo è soltanto un caso, seppure emblematico, di quanto sta capitando in Abruzzo. L'emergenza occupazione sta assumendo, sempre di più, risvolti tragici: altro che ottimismo, qui c'è da allarmarsi e gridare più forte che si può! 

A SPASSO 18 LAVORATORI - Dunque, cassa integrazione per 24 mesi per cessazione di attività per 18 lavoratori. Questo accordo è stato firmato questa mattina a Roma, al Ministero del Lavoro ratificando quanto già sottoscritto al tavolo provinciale. La Dime Resine di Silvi, che opera nel settore plastica e gomma, ha cessato la propria attività ma si è impegnata a ad esperire tutti i tentativi per la ricollocazione del 30% dei dipendenti in altre aziende controllate. Tentativi, appunto! Ma sappiamo benissimo che finchè la pressione fiscale sarà così elevata e la classe dirigente non all'altezza dei profondi cambiamenti, allora difficilmente potrà prosperare l'economia e ricominciare a considerare l'Abruzzo un posto dove si può vivere. E non da cui fuggire .... 

                                                          Marco Le Boeuf

martedì 03 aprile 2012, 16:44

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
dime
resine
abruzzo
teramo
lavoratori
chiude
silvi
ministero
credito
liquidit
insoluti
plastiche
gomme
occupazione
allarme
attivit
ricollocazione
dipendenti
Cerca nel sito

Identity

Food & Wine

di Benny Manocchia

Italian thanksgiving

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?

Società

di Silvia Cipolloni

Wistleblowing!

Sport

di Benny Manocchia

Ciao Italia!