Si sgonfia il Rifiutopoli

Inchiesta "Re Mida" su presunte tangenti nei rifiuti: cade il reato di corruzione. Imputati alla sbarra per reati minori

Si sgonfia il Rifiutopoli

INCHIESTA BIOESSICCATORE A TERAMO. PROCESSO 23 OTTOBRE. Dopo quasi 24 ore di camera di consiglio il Gup del Tribunale di Pescara, Luca De Ninis, ha rinviato a giudizio i sei imputati dell'inchiesta cosiddetta"Re Mida" su presunte tangenti nel settore rifiuti in Abruzzo. Alla fine il processo si farà ma senza il capo d'imputazione più grave: cioè il reato di corruzione. L'ex assessore alla sanità, capogruppo del Pdl in Regione, Lanfranco Venturoni, Rodolfo ed Ettore Fernando Di Zio e l'ex amministratore delegato della Teramo Ambiente dovranno rispondere di peculato, turbativa d'asta ed abuso d'ufficio. L'altro imputato, il senatore del Pdl Fabrizio Di Stefano deve rispondere del reato di millantato credito o traffico d'influenza, reato, però, questo introdotto solo nel 2012.

L'IPOTESI DELLA PROCURA. Secono la magistratura pescarese il mancato ricorso alla gara d'appalto per la realizzazione del famoso bioessiccatore di Teramo avrebbe di fatto agevolato il gruppo Deco.

Redazione Independent

mercoledì 22 maggio 2013, 13:11

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
re mida
di zio
inchiesta
rifiuti
bioessiccatore
di stefano
venturoni
Cerca nel sito