Sequestrati 160Kg di vongole

Blitz della Capitaneria a Giulianova. Anziana pescatrice vendeva in auto 'venus gallina'. Multa da 1500 euro

Sequestrati 160Kg di vongole

GIULIANOVA. BLITZ CONTRO LA PESCA ILLEGALE. Anche in questi gravosi giorni di estate, in cui massimo è l’impegno degli uomini dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Giulianova, sotto la guida del Tenente di Vascello Sandro Pezzuto, e della Compagnia della Guardia di Finanza di Giulianova del Capitano Vincenzo Pietrantoni, si è svolta un’importante operazione congiunta nell’ambito del contrasto alla commissione di illeciti nel settore della pesca marittima ed, in particolare, della commercializzazione del prodotto ittico.

SEQUETRATI 160KG DI VENUS GALLINA. In particolare, nella rete degli accertamenti che ha prodotto totalmente la comminazione di 1.500 euro di sanzione amministrativa pecuniaria ed il sequestro di circa 160 Kg. di vongole della specie venus gallina, è finito una signora proprietaria di un’autovettura parcheggiata nei pressi del mercato ittico locale. Proprio la presenza di tale autovettura modello station wagon, dove dall’esterno si scorgeva in maniera evidente il grosso quantitativo di vongole stipate nel bagagliaio, ha insospettito un privato cittadino che, per dissipare ogni dubbio circa l’illecita provenienza, ha allertato e segnalato l’anomala situazione sia alla sala operativa della Guardia Costiera di Giulianova che a quella del 117 della Guardia di Finanza.

ERA LA MOGLIE DI UN PESCATORE. I militari, giunti sul posto, hanno proceduto ad accertare l’appartenenza dell’autovettura che, a seguito di verifiche e controlli incrociati, è stato scoperto essere di proprietà di una signora coniugata con un marittimo imbarcato su una motovongolara ormeggiata presso il Porto di Giulianova. Una volta individuata la proprietaria, la stessa non è stata capace di fornire alcun tipo di giustificazione circa la provenienza del pescato in quanto risultava sprovvisto di qualsiasi documento commerciale che ne attestasse la provenienza ai fini della tracciabilità/rintracciabilità. Pertanto, si è proceduto a porre immediatamente sotto sequestro l’intero quantitativo del prodotto, che, considerato il lungo tempo trascorso in un mezzo non idoneo al trasporto di pescato nonché il processo di rapido deperimento dell’alimento dovuto alle alte temperature, a seguito dell’intervento del Servizio Tecnico e Veterinario dell’ASL di Teramo, è stato ritenuto non idoneo al consumo umano e quindi necessariamente da distruggere.

reda inde

mercoledì 22 agosto 2012, 15:44

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
giulianova
sequestro
vongole
capitaneria
vincenzo pierantoni
sandro pezzuto
mitili
pesca
illegale
venus gallina
Cerca nel sito

Identity

Food & Wine

di Benny Manocchia

Italian thanksgiving

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?

Società

di Silvia Cipolloni

Wistleblowing!

Sport

di Benny Manocchia

Ciao Italia!