Scomparsa Renata Rapposelli, indagati per concorso in omicidio marito e figlio

La pittrice abruzzese di 64 anni scomparsa il 9 ottobre scorso da Ancona, dove si era trasferita da anni

Scomparsa Renata Rapposelli, indagati per concorso in omicidio marito e figlio

RENATA RAPPOSELLI, INDAGATI PER CONCORSO IN OMICIDIO MARITO E FIGLIO. Sono indagati per concorso in omicidio Giuseppe e Simone Santoleri, il marito separato e figlio di Renata Rapposelli, la pittrice abruzzese di 64 anni scomparsa il 9 ottobre scorso. Gli avvisi di garanzia, hanno confermato stamani il procuratore della Repubblica di Ancona Elisabetta Melotti e il pm Andrea Laurino, sono stati consegnati dopo gli interrogatori dei due, sentiti per ore la notte scorsa dal pubblico ministero presso la Caserma della Compagnia dei Carabinieri di Ancona. L'iscrizione nel registro degli indagati è anche un atto di garanzia nell'ambito degli accertamenti irripetibili affidati dalla Procura al Ris di Roma: e cioè rilievi scientifici ed esami nell'abitazione e nell'auto di Santoleri, poste sotto sequestro.

LA SCOMPARSA. Della scomparsa di Renata Rapposelli, di professione pittrice, se n'è occupata anche la trasmissione Chi L'Ha Visto. Il 9 ottobre ha mandato un messaggio a uno degli amici del gruppo religioso che frequenta per dirgli che stava andando a trovare il figlio in Abruzzo. E' arrivata a Giulianova a casa del figlio e del marito e dopo aver discusso con loro, il marito l'ha riaccompagnata verso Ancona in macchina e ha detto al figlio di averla lasciata a pochi chilometri dal Santuario di Loreto, sulla statale 16. Da quel giorno Renata non ha più risposto a messaggi e chiamate e il suo cellulare risulta spento. I Vigili del Fuoco sono entrati nel suo appartamento e hanno trovato il suo documento in casa, ma di lei nessuna traccia.

Redazione Independent

venerdì 03 novembre 2017, 17:31

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
renata rapposelli
chi l ha visto
marito
figlio
ultime notizie
ancona
giulianova
Cerca nel sito

Identity