Scivolone al debutto casalingo per Roseto Ko con Treviso

Il campionato si apre con una sconfitta: la De' Longhi vince meritatamente

Scivolone al debutto casalingo per Roseto Ko con Treviso

INIZIA CON UN KO LA STAGIONE DEL ROSETO BASKET. Inizia con una sconfitta interna il campionato degli Sharks. Nella giornata di oggi, infatti, la De' Longhi si è imposta al PalaMaggetti col risultato di 72-83. Già era una partita molto difficile, i biancocelesti si sono dimostrati superiori agli Sharks nelle due fasi di gioco per tutta la durata della partita. Treviso è stata sicuramente aiutata dalla partenza rallentata dei padroni di casa e dalle altissime percentuali al tiro (60% dal campo, con un mostruoso 53% dall'arco dei 3 punti), e, una volta largamente avanti nel punteggio, non hanno fatto fatica ad arginare la rimonta degli Sharks. Alla Mec-Energy non sono bastati i 21 punti del solito Allen, e soprattutto tanta grinta messa in campo per provare a ridurre il gap. MVP del match Marshawn Powell, autore di una prova magistrale da 20 punti (con l'80% al tiro), 5 rimbalzi e 4 assist.

LA GARA. Alla palla a due, coach Trullo schiera Marulli in cabina di regia, Moreno e Allen esterni, Weaver e Borra sotto le plance. Risponde coach Pillastrini con Fantinelli play, Corbett e Fabi a completare il pacchetto esterni, Powell e Ancellotti sotto canestro. Allen scalda subito il PalaMaggetti con una tripla, ma la risposta veneta non tarda ad arrivare: Treviso piazza un terrificante parziale di 24-2 per il 5-26. Roseto è brava a reagire e accorcia fino al 13-26 con cui si chiude il primo quarto. I padroni di casa continuano sulla stessa lunghezza d'onda all'inizio del secondo quarto, accorciando in fretta fino al -11 (17-28). La De'Longhi, però, torna a farsi sentire con un parziale di 9-0 chiuso da Marini e Marulli per il 25-39. La Mec-Energy rientra fino al -9 con Marulli (36-45), ma l'entusiasmo del palazzetto si spegne su una delle tante triple avversarie, che chiude dunque sul 36-48 la prima metà di gara.

LA RIPRESA. Nella ripresa Roseto prova a rimanere attaccata al match, ma la precisione al tiro degli avversari rende ciò molto difficile; Treviso, infatti, allunga sul 43-59. Gli Sharks risorgono grazie a Allen fino al 52-63. Roseto riesce a rimanere a contatto fino alla fine del terzo quarto; alla terza sirena il punteggio è sul 58-70. La De' Longhi scappa con le giocate dei suoi americani fino al 60-77; il match sembra essere chiuso, ma gli squali non demordono e provano a rientrare in extremis, ma le speranze dei padroni di casa si spengono sulla tripla di Fantinelli per il 67-81 che chiude virtualmente il match a 2 minuti dalla fine. La partita finisce sul punteggio di 72-83.

WEEKEND SCALIGERO. Ora gli Sharks sono chiamati a una "mission impossible" per conquistare il primo successo della stagione, dal momento che nel prossimo fine settimana muoveranno in trasferta a Verona. L'impegno è fissato per domenica 11 ottobre alle ore 18.

TABELLINO: ROSETO-TREVISO 70-83

Roseto: Allen 21, Izzo ne, Borra ne, Ferraro 3, Papa 2, Marini 8, Bryan 2, Marulli 9, Moreno 11, Weaver 16 All: Trullo

Treviso: Corbett 24, Moretti 7, De Zardo ne, Malbasa, Fabi 10, Busetto, Fantinelli 7, Powell 20, Rinaldi 3, Negri 10, Ancellotti 2 All: Pillastini

Arbitri: Grigioni, Caruso e Terranova

Note: Roseto: 23/59 dal campo, 17/40 da 2, 6/19 da 3, 20/27 ai liberi, 31 rimbalzi (10 offensivi), 8 assist, 13 palle perse, 8 palle recuperate. Treviso: 32/55 dal campo, 22/36 da 2, 10/19 da 3, 9/16 ai liberi, 31 rimbalzi (7 offensivi), 15 assist, 19 palle perse, 6 palle recuperate. Usciti per 5 falli: Weaver Luogo: PalaMaggetti Turno di A2: 1° Spettatori: 1800  
Redazione Independent
 
 

lunedì 05 ottobre 2015, 09:20

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
sharcks rosetro
roseto treviso
verona
campionato
de longhi
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Consumismo Americano

Società

di Benny Manocchia

Leggi americane

Storia

di Benny Manocchia

C'era una volta in America

Sport

di Benny Manocchia

Quando Pelé mi disse..

Storia

di Benny Manocchia

Playboy italo-americano