Save The 'Gambero di fiume'

La specie autoctona è a rischio estinzione. Al via il corso "Tecnica di ingegneria naturalistica applicata agli ambienti fluviali"

Save The 'Gambero di fiume'

SAVE THE 'GAMBERO DI FIUME': AL VIA IL CORSO. Prende avvio oggi 1^ ottobre 2012 ad Assergi il Corso di formazione dell’AIPIN dal titolo “Tecniche di Ingegneria naturalistica applicate agli ambienti fluviali”. Come partner del progetto comunitario  Life CRAINAT, dedicato alla conservazione del gambero autoctono Austropotamobius pallipes, il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga è impegnato in un intervento di riqualificazione dell’habitat fluviale su un canale laterale lungo il fiume Tirino a Capestrano. Su questo tratto verrà realizzata una “source area”, ovvero un sistema di canalizzazione idoneo per la reimmissione di riproduttori adulti di gambero di fiume. La zona, opportunamente sorvegliata, potrà favorire la ricolonizzazione di quel tratto fluviale da parte di nuclei di popolazione di gambero autoctono. 

LA FAMIGLIA PALMIERI DI OFENA. Tale intervento, cofinanziato dal programma comunitario LIFE, rappresenta un buon esempio di collaborazione, in quanto è stato reso possibile dalla sensibilità della famiglia Palmeri di Ofena, proprietaria dei terreni, che ha messo gratuitamente a disposizione dell’Ente Parco, e dalla convenzione siglata fra Ente Parco e Associazione Italiana per l’Ingegneria Naturalistica (AIPIN) per favorire l’applicazione di tecniche di ingegneria naturalistica in cantieri sperimentali. (Foto: David Gerke Wikipedia)

Reda Inde

lunedì 01 ottobre 2012, 12:16

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
gambero
fiume
conservazione
specie
abruzzo
parco
notizie
gran sasso
palmnieri
ofena
rischio
estinzione
Cerca nel sito