Sanità Abruzzo. Chiude anche endocrinologia all’Ospedale San Liberatore di Atri

I teramani Gatti, Chiodi, Di D'Almazio e D'Ignazio su tutte le furie: "Vogliono smantellare il nostro territorio dai servizi primari"

Sanità Abruzzo. Chiude anche endocrinologia all’Ospedale San Liberatore di Atri

CHIUDE ANCHE ENDOCRINOLOFIA AD ATRI. "È una situazione paradossale che proprio a pochi giorni dalla manifestazione organizzata per salvare il punto nascita dell’Ospedale San Liberatore di Atri venga annunciata anche la chiusura di un altro fiore all’occhiello del nosocomio atriano, ossia il suo reparto di endocrinologia ed è l'ennesima conferma della grande superficialità con cui il governo regionale di centrosinistra affronta la questione della sanità abruzzese e del disegno di spoliazione della sanità teramana a vantaggio di altri territori". Lo dichiarano in una nota congiunta il vicepresidente del Consiglio regionale Paolo Gatti, il Consigliere segretario dell’Ufficio di Presidenza Giorgio D’Ignazio, il Presidente emerito della Regione Abruzzo Gianni Chiodi ed il Consigliere regionale Mauro Di Dalmazio. "Il reparto è stato de facto messo nelle condizioni di dover chiudere per mancanza di personale e per la superficialità con cui la Regione ha gestito la questione del concorso per l'assunzione dei nuovi endocrinologi", spiegano i consiglieri. "Consideriamo questo un comportamento scellerato ed irresponsabile visto il livello di eccellenza raggiunto dal reparto guidato dal dott. Raggiunti nell’erogazione di servizi essenziali per i cittadini, riconosciuto anche sul piano internazionale e l'importante contributo che ha fornito alla mobilità attiva della Regione, attirando pazienti da tutta Italia. Gli interventi parcellizati e disorganici messi in atto nel campo sanitario paiono privi di criterio e di logica e rischiano di rivelarsi un boomerang per gli stessi cittadini, privandoli della possibilità di accedere a cure essenziali per la propria salute, un diritto costituzionalmente garantito. Invitiamo pertanto il Presidente D’Alfonso e l'Assessore Paolucci a prendersi maggiormente a cuore lo stato della sanità in Abruzzo, tutelando con ogni possibile mezzo quelli che risultano i suoi centri di eccellenza, affinché gli abruzzesi possano finalmente ricevere le tanto promesse 'coccole'", concludono i consiglieri .

Insomma, non è un momento felice per il comparto sanità abruzzese ma le responsabilità hanno chiaramente origini molto lontane visto che la Regione Abruzzo è ancora commissariata a causa dei noti fatti di cui tutti siamo a conoscenza.

Foto: repertorio

Redazione Independent

mercoledì 09 dicembre 2015, 18:25

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
sanita
endocrinologia
san liberatore
atri
ospedale atri
chiodi
gatti
reparto endocrinologia
Cerca nel sito