Rosy Bindi: "L'Aquila ha diritto alla ricostruzione"

La presidente della commissione parlamentare antimafia è stata ieri in visita nel capoluogo di regione

Rosy Bindi: "L'Aquila ha diritto alla ricostruzione"

ROSY IN VISITA A L'AQUILA. "Abbiamo trovato la consapevolezza delle istituzioni sulla necessita' di fare indagini, di controllare e anche dopo avere individuato alcune difficolta' con carenze e alcune contraddizioni che ci sono dentro la legislazione di chiedere con forza strumenti piu' adeguati. Noi ribadiamo con forza che L'Aquila e tutto il cratere hanno diritto alla ricostruzione, hanno diritto a ricostruire il loro tessuto sociale ed economico hanno tutto il diritto a ritornare ad essere una citta' che guarda al futuro con la ricchezza di tutta la sua storia. Pero' e' doveroso che il denaro pubblico venga speso bene e che ci siano i controlli adeguati". Cosi' la presidente della commissione parlamentare antimafia, Rosy Bindi, ieri in visita a L'Aquila.

CRITICITA' NELLA RICOSTRUZIONE PRIVATA. "Le criticita' si sono riscontrate nella ricostruzione privata che ha una normativa meno vigorosa - ha osservato l'on. Bindi - che da' minori strumenti in mano alle istituzioni, alle forze dell' ordine, alla magistratura. Noi sappiamo che il Governo sta gia' lavorando in questo senso. Noi faremo un lavoro di coordinamento, noi faremo la nostra parte. Ci sembra che alcune proposte emerse siano da considerare. Innanzitutto va colmato il sistema informativo: non c'e una banca dati per Prefettura, per la magistratura, non ne disponiamo nella sua interezza non si e' in grado di conoscere chi lavora in questo territorio, la tracciabilita', tutti i lavori assegnati, quindi una carenza del sistema informativo che va assolutamente colmato, e' una carenza che ritorna.

L'ACCESSO AI CANTIERI. Per la Bindi, "Occorrono norme simili a quelle per la ricostruzione pubblica per quanto riguarda i subappalti. Penso che sia arrivato il momento di conferire lavori quando si conoscono i subappaltanti sia nel pubblico che nel privato, da subito, partire dalla fase progettuale, poi proibire il trasferimento degli incarichi perche' anche questo si e' dimostrata essere una strada pericolosissima in cui i malintenzioanti si sono ben inseriti. Un altro aspetto importante e' relativo a tutto il sistema dei controlli: l'accesso ai cantieri sia della ricostruzione pubblica che privata deve avere tutti gli strumenti necessari. L'ultimo caso che ci ha indignati di piu', quello dello sfruttamento dei lavoratori, ci dimostra che tutto questo non puo' richiedere due anni di intercettazioni perche' tutto questo sarebbe potuto essere possibile se ci fossero state queste regole, se ci fosse stata la possibilita' di controlli non necessariamente attraverso le intercettazioni ma attraverso le forze dell'ordine".

"MAFIE ABILI, MA LE ISTITUZIONI SONO FORTI". Per l'on. Rosy Bindi, che oggi e' stata in missione a L'Aquila con la Commissione parlamentare antimafia per fare il punto sulle infiltrazioni criminali negli appalti del post-terremoto, "ancora una vola le mafie si dimostrano molto abili, capaci di capire le nostre fragilita' e il fatto di avere usato il lavoro, questa circostanza che oggi e' la parte del nostro paese piu' debole piu' esposto e di averlo fatto con il loro metodo che e' quello non tanto di far soldi quanto di tenere in pugno le persone, di affermare il loro potere il loro domino, la loro capacita' di espandersi, questo ci preoccupa molto ma rafforza la nostra convinzione di istituzioni che in questo paese sono forti e possono vincere una battaglia, ma devono dotarsi di strumenti adeguati".

Gli Indipendenti

mercoledì 16 luglio 2014, 11:18

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
cronaca
politica
ricostruzione
bindi
terremoto
Cerca nel sito

Identity

Attualità

di Benny Manocchia

Se questa è Europa

Società

di Benny Manocchia

Americani senza Dio

Food & Wine

di Benny Manocchia

Italian thanksgiving

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?