Tutti assolti nella Rifiutopoli d'Abruzzo. I perchè nelle motivazioni della sentenza

AbruzzoIndependent.it pubblica le "ragioni" del tribunale di Pescara. Gli imputati erano accusati di reati gravissimi

Tutti assolti nella Rifiutopoli d'Abruzzo. I perchè nelle motivazioni della sentenza

TUTTI ASSOLTI NELLA RIFIUTOPOLI D'ABRUZZO: I PERCHE NELLA SENTENZA. In esclusiva per i lettori di AbruzzoIndependent.it la sentenza che ha scagionato gli imprenditori Rodolfo Di Zio ed Ettore Ferdinando Di Zio accusati di reati gravissimi, nell’ambito della cosiddetta ‘Rifiutopoli d’Abruzzo’, insieme all’ex assessore regionale alla Sanita’ Lanfranco Venturoni, all’onorevole di Forza Italia Fabrizio Di Stefano ed all’ex amministratore delegato della societa’ Team Teramo Ambiente Vittorio Cardarella (tutti assolti).

Il collegio giudicante del Tribunale di Pescara, presieduto dal giudice Angelo Zaccagnini, ha ritenuto “inconsistenti o sfornite di prove” le accuse formulare dai magistrati pescaresi Anna Rita Mantini e Gennaro Varone circa un “piano di svuotamento della societa’ Team” che sarebbe stato messo in atto, “per far ottenere alla Deco, senza il ricorso al metodo dell’evidenza pubblica, l’affidamento dell’appalto per la costruzione e la gestione di un impianto di bioessiccazione” da realizzarsi nella provincia di Teramo.

Gli imputati erano accusati, a vario titolo, per reati di corruzione, istigazione alla corruzione, abuso d’ufficio, peculato, turbativa d’asta e millantato credito. 

Redazione Independent

 

venerdì 26 febbraio 2016, 19:54

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
rifiutopoli
abruzzo
di zio
venturoni
sentenza
deco
Cerca nel sito