Montesilvano come Napoli?

Interrotta la raccolta della "monnezza". Di Mattia: "L'amministrazione spieghi ai cittadini la situazione"

Montesilvano come Napoli?

INTERROTTA LA RACCOLTA DEI RIFIUTI - In queste ore è stato interrotto il servizio di raccolta dell'immondizia a Montesilvano. Un fatto nuovo e imprevedibile ma anche un segnale di quanto potrebbe accadere nei prossimi giorni. Montesilvano come Napoli e Palermo? Sulla questione è intervenuto immediatamente Attilio Di Mattia. "Spero che non saremo i primi a pagare gli errori della cattiva politica, in Regione come in Provincia, incapace - dice l'esponente di Montesivano Bene Comune - di programmare la gestione dei rifiuti. Il servizio è fermo a Montesilvano: l'amministrazione comunale deve spiegare cosa sta succedendo ai cittadini. I cassonetti in tutte le vie principali sono stracolmi e i rifiuti iniziano ad ammassarsi ai bordi delle strade: questa mattina mentre attraversavo via Vestina ho pensato all'arrivo della primavera - all'aumento delle temperature - e a cosa potrebbe significare un'emergenza sanitaria per l'immagine e il turismo della città". 

SOLUZIONE TECNOLOGICA E DIFFERENZIATA - "Già in tempi non sospetti - ha proseguito Di Mattia - ho parlato della necessità di una soluzione tecnologica per riuscire a superare e abbandonare la logica attuale, che vede le tante società municipalizzate non incentivare la raccolta differenziata perché non è conveniente da un punto di vista aziendale. Il trattamento meccanico biologico dei rifiuti è - grazie a un mio emendamento - oggi previsto dal piano provinciale dei rifiuti: se non vogliamo ritrovarci in emergenza cronica, non bisogna solo pensare in queste ore a chi ha il compito di pulire le strade, dove deve portare i sacchetti e come li deve portare: dobbiamo sederci a un tavolo e aprire un grande progetto, altrimenti i costi saliranno di continuo e l'Abruzzo non riuscirà più a sostenere economicamente lo smaltimento dei rifiuti".

COSA DICE LA LEGGE - Bisogna inoltre ricordare che la norma in vigore fissa ad almeno il 65% la quota di raccolta differenziata da ottenere entro il 31 Dicembre 2012. "Una quota - conclude il candidato alle prossime amministrative di Montesilvano - assolutamente irraggiungibile se continuamo di questo passo, pensando di poter abituare i cittadini in così breve tempo a differenziare autonomamente nelle proprie abitazioni".

Redazione Independent

martedì 13 marzo 2012, 20:19

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
rifiuti
montesilvano
raccolta
crisi
emergenza
cassonetti
immondizia
differenziata
soluzione
teconologica
monnezza
attilio di mattia
notizie
politica
mafia
gestione
deco
Cerca nel sito

Identity