Regione Abruzzo: approvato Piano Sociale da 200milioni. Via libera anche aumenti TUA

Il MoVimento 5 Stelle accusa: "Soltanto la redazione è costata 130mila euro". Assente il governatore D'Alfonso

Regione Abruzzo: approvato Piano Sociale da 200milioni. Via libera anche aumenti TUA

REGIONE ABRUZZO: APPROVATO IL PIANO SOCIALE DA 200MILIONI. Il Consiglio Regionale ha approvato il Piano Sociale Regionale 2016/2018, presentato dall'assessore Marinella Sclocco, con la previsione di circa 200milioni di euro per il triennio. Nella stessa seduta è stata approvata la legge che riordina il settore della Protezione civile regionale che al suo interno prevede iniziative di supporto per favorire il risanamento dell'Ater di Chieti. In materia di trasporti e' stata licenziata la legge che rimodula i piani tariffari Tua (Societa' Unica Abruzzese di Trasporto) e riorganizza le tratte del trasporto pubblico su gomma. All'Emiciclo è stata anche approvata la maggioranza la legge sulla panificazione in Abruzzo e il progetto di legge che disciplina il procedimento semplificato per l'approvazione delle varianti agli strumenti urbanistici comunali. Licenziata, a maggioranza, anche la legge che introduce disposizioni urgenti in materia di settore agricolo. I provvedimenti amministrativi approvati riguardano, invece, la richiesta di variante al Piano Regionale Paesistico a favore del comune di Palena (Chieti) e la rimodulazione degli interventi previsti nel Programma Triennale della Viabilita' 2008/2010 per consentire i "Lavori urgenti di sistemazione generale della S.P. 10 "Peligna" dal Km 22+800 al km 23+655 (innesto S.S. 17)". Il Consiglio regionale, inoltre, ha eletto tre membri su quattro del Collegio per le Garanzie Statutarie (Giuseppe Colavitti, Pasquale Minunni, Romano Orru'), l'elezione del quarto membro e' stata rimandata al prossimo Consiglio insieme alla votazione per la nomina del Garante dei Detenuti. A fine seduta, il presidente Di Pangrazio, ha annunciato la sospensione dei lavori consiliari dal 16 al 26 agosto.

CRITICHE DAL MOVIMENTO 5 STELLE. Questa la nota del gruppo politico M5S: "Con il nuovo Piano Sociale Regionale , la cui redazione e' costata agli abruzzesi 130 mila euro di soldi pubblici elargiti ad un privato, la Regione Abruzzo di D'Alfonso ha istituito la compartecipazione a carico dell'utenza per le prestazioni sociali . Significa che da oggi, l'assistenza domiciliare anziani e disabili , il telesoccorso, i Centri diurni per disabili, servizi per la prima infanzia, avranno un costo a carico dell'utenza secondo nuove soglie introdotte dalla Regione. Ancora tasse, ancora mani nelle tasche dei cittadini . Ma la cosa più vergognosa e l'aver previsto una percentuale del 15% sul valore dell'intero Fondo Sociale che si aggira intorno agli 11 Milioni di Euro l'anno, per studi , ricerche e quindi consulenze . Vale a dire che circa 2 Milioni di Euro (sugli 11 milioni totali ) saranno sottratti alle prestazioni sociali per i disabili e utilizzati per consulenze esterne. Essere riusciti a far approvare alcuni emendamenti a nostra firma, che limitano i danni, non ci conforta affatto. La nuova tassa rimane, anche se per le famiglie che hanno isee annuo di 8mila euro e non addirittura di 5mila come prevedeva il piano; e le consulenze, seppur diminuite dai nostri emendamenti, rimangono comunque e sono sempre soldi che si sottraggono alle prestazioni sociali. Tra gli emendamenti che ci sono stati approvati troviamo, come già sottolineato, l'innalzamento della soglia di esenzione da 5 mila euro a 8 mila euro; la diminuzione del valore delle somme da utilizzare per consulenze; in aggiunta a queste abbiamo ottenuto il divieto di percepire prebende e gettoni per i sindaci e per il personale che partecipa agli organi di sottogoverno degli ambiti sociali; l'assenza di costi per gli organismi istituiti; il reclutamento del personale esclusivamente all'interno degli ambiti o dei comuni senza ricorsi esterni ingiustificati.  Abbiamo smussato negli angoli del Piano sociale, con ore di lavoro in commissione, ma non siamo al Governo, ed il documento rimane fallimentare, una mannaia sulla testa degli abruzzesi più in difficoltà.  Noi siamo entrati nelle istituzioni per cambiare il sistema politico, non per accontentarci del meno peggio, ecco perché seppur consapevoli di aver limitato qualche danno abbiamo messo all'angolo con una forte azione di opposizione la Giunta, per aver introdotto una nuova tassa per gli abruzzesi . Un governo responsabile prima di introdurre questa tassa avrebbe dovuto tagliare gli sprechi, primo fra tutti le consulenze esterne, visto che la Regione ha personale a sufficienza per adempiere ad i propri doveri.  Ma questa è la regione del Presidente D'Alfonso. Non quella del M5S.  Gino Strada, una volta, alla domanda: "Quanto deve costare la sanità pubblica?" ha risposto "QUANTO BASTA PER CURARE TUTTI GRATIS!"  Questo noi lo dobbiamo pretendere oggi come cittadini di opposizione, domani come maggioranza di governo".

Redazione Independent

mercoledì 10 agosto 2016, 10:46

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
regione abruzzo
piano sociale
marinella sclocco
protezione civile
biglietti
aumenti tua
Cerca nel sito

Identity

Attualità

di Benny Manocchia

Se questa è Europa

Società

di Benny Manocchia

Americani senza Dio

Food & Wine

di Benny Manocchia

Italian thanksgiving

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?