Proger Chieti, il sogno delle "Furie" dura solo mezza gara

La corazzata Triestina sbanca con merito al PalaLeombroni 87-77.Domenica prossima si va a Jesi sperando nel "colpaccio"

Proger Chieti, il sogno delle "Furie" dura solo mezza gara

IL SOGNO DELLE FURIE DURA SOLO MEZZA GARA, LA CORAZZATA TRIESTINA SBANCA CON MERITO IL PALALEOMBRONI 87-77. E’ stata una domenica strana, vissuta con grande tristezza sulle gradinate del PalaLeombroni, non soltanto per i tragici avvenimenti di Rigopiano ma anche per la scomparsa improvvisa di Marco Di Paolo, grandissimo tifoso e papà di Pino, uno dei due aiuti coach della Proger. I ragazzi di ‘Cedro’ Galli ci tenevano ancor di più a portare a casa il risultato, non soltanto quindi per riscattare l’opaca prova del girone d’andata o per dare continuità alla vittoria di domenica scorsa; e per buona parte della gara hanno fatto sognare il pubblico biancorosso, finanche ad avere un vantaggio in doppia cifra. Ma gli uomini di Eugenio Dalmasson hanno dimostrato senza ombra di dubbio di meritare il terzo posto in solitudine, oltre ad essere sinora la migliore squadra, ad esclusione di Treviso che ha avuto vita troppo facile in una domenica estremamente scialba, scesa in campo in casa delle Furie. I tergestini sono apparsi essere squadra solidissima, molto fisica, ben costruita ed allenata, con una panchina lunga ed in grado di garantire continuità al gioco espresso dallo starting five, con due ottimi americani a supportare le bombe di Stefano Bossi (MVP della gara con 23 punti e 5 assists in 32 minuti), le giocate esperte di Pecile e del factotum Matteo Da Ros, in grado di mettere a referto un’importantissima doppia doppia, con 12 rimbalzi, 14 punti e 4 assists. Le Furie hanno avuto 56 dei 77 punti dai soliti tre americani e solamente 13 punti dalla panchina soffrendo, specialmente nel terzo quarto, la fisicità di Trieste e la sua asfissiante difesa a uomo, che ha limitato fortemente le triple di Cade Davis (19 punti finali di cui 17 nei primi due quarti), chiuso tutti gli spazi alle entrate di Trae Golden e annullato in maniera capillare i giochi a due con i lunghi, creando non pochi grattacapi ad Allegretti e Mortellaro.

LA GARA. La Proger inizia la gara con Golden play, Fallucca e Davis esterni, Sergio da 4 e Mortellaro centro; l’Alma risponde con il capitano Coronica play, Bossi e Green esterni, Jordan Parks e Da Ros sotto canestro. Una tripla iniziale di Green e due di Bossi portano subito Trieste in allungo, che conduce 5-12 dopo quattro minuti. Coach Galli ferma immediatamente il gioco con il primo timeout della gara e riordina per bene le idee della Furie, che tornano in campo con il giusto piglio ed iniziano a recuperare terreno con uno scatenato Davis. E’ Dalmasson che ferma il cronometro a 3:42 dal termine della prima frazione sul 16-16, la gara è piacevolissima, i ritmi sono molto alti, le difese molto aggressive. Stefano Bossi prova a contenere Golden mentre Green non riesce affatto a limitare Davis. Con un giropalla estremamente efficace, i triestini riescono a colmare le difficoltà che hanno sulle transizioni biancorosse ed a mantenersi in partita grazie alle triple in solitudine di Bossi e Pecile, ed al termine della prima sirena il punteggio dice 26-25. Nella seconda frazione gli umini di Massimo Galli dimostrano grande personalità, hanno nettamente in mano il pallino della situazione e raggiungono il massimo vantaggio 40-30 a 4:31 dal riposo lungo grazie alle penetrazioni devastanti di Golden e Allegretti ed al solito Davis che continua a bombardare la difesa triestina. Il timeout di Dalmasson rimette un po’ in ordine le cose, e grazie anche alla distrazione delle Furie nel finale, riescono a chiudere la metà della gara 42-39. Nonostante le migliori percentuali al tiro dei teatini, il pubblico del PalaLeombroni ha capito bene che ci sarà bisogno di lottare sino al termine e, contrariamente al solito, si fa sentire non solo dalla curva. Al rientro sul parquet le cose cambiano radicalmente, Trieste mostra di essere una squadra compatta e, con una difesa a uomo asfissiante, inizia a costringere le Furie a forzare i tiri al limite dei 24”, limitandone le transizioni ed il giropalla; il febbricitante Cittadini sfrutta a dovere i mismatch e Stefano Bossi infila tre triple che mettono in ginocchio i biancorossi. Sono queste le chiavi che portano Trieste a chiudere in vantaggio la terza frazione 59-64. I teatini si spengono nell’ultimo quarto a causa di una complicata situazione falli, Piazza prima, Sergio e Davis successivamente, lasciano il campo per 5 falli, mentre l’esperto Pecile ed il cecchino Bossi continuano a bombardare il canestro della Proger. La difesa degli uomini di Dalmasson è una spina nel fianco per i teatini, Green è attaccato come un francobollo a Davis, che non riesce più a ricevere palloni puliti e lo stesso Trae Golden non trova più spazi per le sue penetrazioni. Sarebbe disonesto attribuire a qualche decisione cervellotica della terna arbitrale, nel finale di partita, il punteggio finale. Chapeau Trieste, onore alle Furie. La gara termina 77-87 e domenica prossima si spera in un colpaccio in quel di Jesi.

Proger Chieti - Alma Trieste 77-87 (26-25, 16-14, 17-25, 18-23)

Proger Chieti: Golden 21 (6/17, 0/2), Davis 19 (4/5, 3/10), Mortellaro 16 (7/11, 0/0), Venucci 9 (1/6, 1/2), Sergio 8 (0/1, 2/3), Fallucca 2 (1/3, 0/0), Allegretti 2 (1/2, 0/1), Piazza 0 (0/0, 0/0), Clemente 0 (0/0, 0/0), Zucca 0 (0/0, 0/0), Ippolito 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 19 / 24 - Rimbalzi: 28 8 + 20 (Mortellaro 13) - Assist: 16 (Venucci 5)

Alma Trieste: Bossi 23 (3/4, 5/8), Pecile 18 (4/6, 1/5), Da Ros 14 (5/13, 0/3), Green 13 (2/5, 3/3), Parks 8 (3/4, 0/2), Cittadini 8 (3/4, 0/0), Coronica 2 (1/1, 0/0), Simioni 1 (0/0, 0/0), Baldasso 0 (0/1, 0/1), Gobbato 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 18 / 22 - Rimbalzi: 31 6 + 25 (Da Ros 12) - Assist: 14 (Bossi 5)

 

RISULTATI 18^ GIORNATA GIRONE EST

Assigeco Piacenza-Tezenis Verona 63 - 83

 

Dinamica Generale Mantova-Segafredo Virtus Bologna 77 - 74

 

OraSì Ravenna-Kontatto Fortitudo Bologna 63 - 73

 

Andrea Costa Imola-Termoforgia Jesi 93 - 89

 

De Longhi Treviso-Unieuro Forlì 58 - 55

 

US Basket Recanati-G.S.A. Udine 68 - 84

 

Proger Chieti-Alma Trieste 77 - 87

 

Visitroseto.it Roseto-Bondi Ferrara 107 - 75

 

CLASSIFICA

 

Segafredo Virtus Bologna 28

De Longhi Treviso 28

Alma Trieste 24

OraSì Ravenna 22

Dinamica Generale Mantova 22

Kontatto Fortitudo Bologna 20

Assigeco Piacenza 20

Visitroseto.it Roseto 20

Tezenis Verona 18

Termoforgia Jesi 16

G.S.A. Udine 16

Andrea Costa Imola 14

Proger Chieti 12

Bondi Ferrara 12

Unieuro Forlì 8

US Basket Recanati 6

 

PROSSIMO TURNO

 

Kontatto Fortitudo Bologna-De Longhi Treviso

Assigeco Piacenza-US Basket Recanati

Andrea Costa Imola-Visitroseto.it Roseto

G.S.A. Udine-Unieuro Forlì

Termoforgia Jesi-Proger Chieti

Alma Trieste-Tezenis Verona

Bondi Ferrara-Dinamica Generale Mantova

OraSì Ravenna-Segafredo Virtus Bologna

 

Stefano Tortoreto

lunedì 23 gennaio 2017, 11:45

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
proger chieti
proger chieti alma triestre
tabellino proger alma
classifica
basket
palaleombroni
chieti
Cerca nel sito

Identity