Primo atto "dalfonsista" sull'Ex Cofa: «Attivarsi immediatamente»

Il governatore d'Abruzzo risponde al sollecito di Marco Alessandrini. Per il sindaco di Pescara è un obiettivo della nuova amministrazione

Primo atto "dalfonsista" sull'Ex Cofa: «Attivarsi immediatamente»

D'ALFONSO CHIEDE LA DEMOLIZIONE DELL'EX COFA. Primo atto di indirizzo del Presidente della Regione, Luciano D'Alfonso, per motivi igienico-sanitari e di sicurezza, per la demolizione dell'edificio ex Cofa sul lungomare sud di Pescara, ex mercato ortofrutticolo e per l'individuazione di situazioni patrimoniali immobiliari che si trovano nelle stesse condizioni su tutto il territorio regionale. Il Governatore ha invitato gli uffici della Direzione Risorse umane e strumentali ad attivare immediato procedimento per l'ex Cofa e per quelli ricadenti nelle altre Province e inventariate nel patrimonio, non abitativo, dell'Amministrazione regionale. D'Alfonso chiede, quindi, contenuti conoscitivi e valutativi attraverso un procedimento che dovrà essere attivato immediatamente per acquisire piena consapevolezza delle situazioni patrimoniali e dell'approvvigionamento finanziario occorrente, nel pieno rispetto delle procedure, dei regolamenti vigenti e delle esigenze di velocità. "Ormai da anni - scrive D'Alfonso - gli enti locali in provincia di Pescara e le principali associazioni economiche hanno rappresentato il significato della demolizione delle mura dell'ex Cofa, soprattutto per consentire il recupero dell'estetica in un comparto di Pescara di grande valore. Ciò che più preme è la delicatezza sanitaria e di sicurezza immobiliare poiché, trattandosi di spazi mai più usati dalla delocalizzazione del mercato, si è verificato più volte che ivi abbiano trovato ricovero momentaneo, pericoloso e pericolante, cittadini nuovi pervenuti sul suolo di Pescara. Rivolgo quindi, un impegnativo indirizzo alla Direzione regionale di competenza per attivare con la massima sollecitudine un procedimento che riguardi l'edificio di Pescara ma anche situazioni simili, negli altri territori della Regione".

LA RISPOSTA DI ALESSANDRINI. “Ho accolto con estrema soddisfazione la notizia che il presidente della Regione Luciano D’Alfonso ha dato subito seguito alla richiesta di attivazione delle procedure per l’abbattimento dell’ex Cofa, contenute in una lettera inviata appena dopo l’insediamento.
Al presidente avevamo chiesto che si riprendesse un dialogo interrotto nel 2009 tra Regione e Comune di Pescara su un protocollo di intesa che impegnava la Regione all’abbattimento e che è rimasto disatteso, sollecitando decisioni sullo stabile, divenuto ricettacolo di degrado e abbandono.
Un problema sollevato con forza nelle rispettive campagne elettorali e che il presidente conosce bene per averlo affrontato da sindaco di Pescara. Colgo l’occasione per ringraziarlo pubblicamente, con la certezza che la filiera istituzionale Comune-Regione sia fondamentale per sciogliere tante questioni che sono rimaste in attesa di una soluzione e che consentiranno alla città di riprendere il suo cammino di sviluppo. Sono certo che i tempi delle decisioni saranno sostenibili e che presto, insieme, potremo scrivere un futuro condiviso e utile per quell’area che Pescara aspetta da troppo e che fino ad oggi è stata un triste biglietto da visita all’ingresso della città e a ridosso delle sue infrastrutture principali, che risolleveremo anch’esse, in nome alla proficua collaborazione fra Enti inaugurata con la problematica legata all’ex Cofa”

Redazione Independent

mercoledì 18 giugno 2014, 12:13

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
ex cofa
pescara
area
d'alfonso
alessandrini
obiettivo
demolizione
Cerca nel sito