Presunto riciclaggio legato all'inchiesta sul servizio lavanderia Asl, scarcerato Colasante

Nella sede opportuna dimostrero' la mia totale estraneita' ai fatti", ha detto l'imprenditore frentano

Presunto riciclaggio legato all'inchiesta sul servizio lavanderia Asl, scarcerato Colasante

SCARCERATO L'IMPRENDITORE FRENTANO COLASANTE. Il Tribunale della Liberta' dell'Aquila ha scarcerato oggi Antonio Colasante, 57 anni accusato di presunto riciclaggio di denaro legato all'inchiesta sul servizio lavanderia alla Asl Lanciano-Vasto-Chieti. Dopo la detenzione in carcere, disposta al gip di Lanciano, il 6 marzo scorso, attualmente Colasante era ai domiciliari, col solo permesso di recarsi al lavoro.

LE ACCUSE DI AUTORICICLAGGIO. Lo scorso 6 marzo l'imprenditore originario di Guardiagrele era finito in carcere con l’accusa di autoriciclaggio di quel danaro, con cui avrebbe comprato una villa a Porto CervoNell'ambito della stessa inchiesta, coordinata dal procuratore facente funzioni Rosaria Vecchi, venne arrestata e posta ai domiciliari anche Tiziana Spadaccini, di Vasto, dirigente dell'ufficio economale e logistico della Asl. 

"SONO ASSOLUTAMENTE ESTRANEO". "Nella sede opportuna dimostrero' la mia totale estraneita' ai fatti", queste le parole del 57enne imprenditore frentano Antonio Colasante. In totale sono indagate, per questa inchiesta, altre 7 persone, in concorso di reato per abuso d'ufficio.

Redazione Independent

giovedì 25 maggio 2017, 11:57

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
colasante
antonio colasante
ultime notizie colasante
inchiesta asl
asl colasante
lavanderia colasante
Cerca nel sito

Identity

Persone

di Francesco Mimola

Auguri Papali

Satira

di Ettore Ferrini

Il Referendum del Ferrini

Società

di Francesco Mimola

Into The Trump