Prestiti a "strozzo", sequestrato c/corrente a una 38enne

Una donna di Santa Maria Imbaro aveva 50mila ritenuti dai carabinieri provento di attività illecite. Alle vittime chiesti interessi settimanali dal 10 al 15%

Prestiti a "strozzo", sequestrato c/corrente a una 38enne

I carabinieri della Stazione di Pescara hanno sequestrato circa 50.000 euro depositati su un conto corrente bancario intestato a S.K., trentottenne di Santa Maria Imbaro (CH), indagata per il reato di usura con Gianfranco Rossi, Vito Vacante e Massimo Piccirillo, già tratti in arresto il 17 giugno scorso.

I protagonisti della vicenda, a vario titolo e con ruoli differenti, approfittando delle difficoltà economiche in cui versava una nota attività commerciale della città ed altri commercianti dei paesi della provincia di Pescara e Chieti, avevano “prestato” somme consistenti di danaro. Da lì l'incubo: era con le minacce che riuscivano ad ottenere interessi a dieci giorni che oscillavano dal 10% al 15%, sforando di gran lunga i limiti imposti dalla legge in materia di usura.

Il sequestro è stato eseguito al termine di accertamenti bancari e patrimoniali dai quali è emerso che l’indagata, dal mese di aprile 2009 al mese di maggio 2012, avrebbe concesso all’ex coniuge di utilizzare il proprio conto corrente dal quale è risultato un movimento di circa 100.000 euro emessi, con l’utilizzo di assegni, per finanziare, a “strozzo”, i commercianti in difficoltà.

La sproporzione esistente fra i redditi dichiarati nel periodo considerato ed i saldi attivi dei conti correnti ha consentito agli investigatori di ricostruire in modo puntuale i passaggi di denaro che, dopo gli arresti, erano confluiti su un nuovo conto corrente acceso a nome della donna.

L’attività è la prosecuzione di quella condotta nel giugno 2013 che aveva portato al sequestro di 29 conti correnti, 200.000 euro in titoli di credito ed il rinvenimento durante una perquisizione di ulteriori 100 tra assegni e cambiali, oltre a diverse migliaia di euro in contante.

Le vittime erano imprenditori di ogni genere: nelle rete erano caduti un piccolo commerciante,un gioielliere, il titolare di un’azienda di movimento terra come quello di una tipografia.

Le vittime, nonostante il vicolo cieco in cui si erano messe, hanno fornito piena collaborazione solo quando il quadro probatorio era già definito. Le dimensioni dell’attività testimoniano come, specie in periodi di contrazione economica, tanti imprenditori siano disposti a tutto pur di rimanere in piedi, perfino a mettersi nelle mani di usurai senza scrupoli.

La misura cautelare è stata emessa per il reato di usura continuata in concorso dal G.I.P. di Pescara Dott. Gianluca Sarandrea, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica, Dott. Gennaro Varone.

Redazione Independent

mercoledì 19 febbraio 2014, 15:20

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
usura
arrestato
negozi
prestito
strozzo
pescara
tipografia
Cerca nel sito

Identity