"Petrolizzazione" d'Abruzzo

Dino Rossi, portavoce del Movimento dei Forconi, ha capito tutto: <<vogliono impossessarsi di ogni cosa>>

"Petrolizzazione" d'Abruzzo

MOVIMENTO DEI FORCONI - Dino Rossi ha capito tutto. Il portavoce del Movimento dei Forconi in Abruzzo dice chiaramente che "chi ci fornisce il petrolio vuole mettere le mani su tutto". E aggiunge che quello che l’Italia dovrebbe fare nel suo Paese, lo fa in Egitto: "Cercate su Internet 'cooperazione Italia Egitto'. Cose da matti". Rossi si riferisce a un articolo pubblicato sul quotidiano “Al Alam al Yom” nel 2006: il Ministro del Commercio e dell’Industria, Rashid Mohamed Rashid (colui che voleva acquistare la Roma calcio) ha deciso di formare un comitato interministeriale che comprenderà rappresentanti dei Ministeri del Commercio e dell’Industria, della Cooperazione Internazionale, dei Trasporti e dell’'Agricoltura allo scopo di accelerare l’esecuzione con l’Italia del Corridoio Verde, che mira ad aumentare le esportazioni agricole egiziane in Europa.

IL PERICOLO EGIZIANO - "Rashid - spiega Rossi - ha dichiarato che il Progetto è composto da due fasi: la prima preparatoria, durante la quale 3 mila feddan della zona di Nubaria verranno destinati alla produzione di raccolti agricoli del valore di 38 milioni di lire egiziane che vengono esportati in Europa attraverso l’Italia. La seconda fase mira ad estendere le attività del progetto affinché comprenda altri raccolti agricoli e zone geografiche in diversi governatorati. E non finisce qui! Hanno contribuito alla nascita del corridoio verde le università del mediterraneo con l’Italia in testa, con il progetto della desalinizzazione del’acqua salmastra. Molti di questi progetti sono il frutto della positiva esperienza di collaborazione tra la Cooperazione Italiana e il Centro Nazionale per la Ricerca sull’'Acqua (National Water Research Centre), istituto di ricerca egiziano del Ministero delle Risorse Idriche e dell’Irrigazione. Tra questi vale la pena segnalare il progetto “Gestione delle Risorse Idriche per lo Sviluppo Agricolo Sostenibile” che si svolge nell’'area di Toshka, vicino ad Abu Simbel sul lago Nasser, in cui il Governo egiziano interviene per favorire lo sviluppo di nuove aree coltivabili. Si tratta di un’area in cui è cruciale garantire un approvvigionamento d’acqua per una superficie di oltre2 26.000 ettari; a tale scopo, con un finanziamento di circa un milione e mezzo di euro, il progetto cerca di individuare le tecniche di irrigazione più adatte per l’area e di migliorare l’efficienza dei sistemi di irrigazione, combinando ricerca e sperimentazione con la consulenza diretta ai coltivatori".

"PETROLIZZAZIONE" D'ABRUZZO - E' chiaro che l'esempio "internazionale" riportato da Rossi serva a farci da ulteriore monito in tema di "petrolizzazione" dell'Abruzzo; e con questa espressione non intendiamo più il Centro Oli, che ormai sembra simile più a uno spaventapasseri che non a un reale rischio, ma ciò che la Forest Oil ha intenzione di realizzare a Bomba, e che proprio ieri mattina ha ribadito di voler fare durante una conferenza stampa. Ma torniamo al contributo di Dino Rossi: "Tra i progetti più all’avanguardia dal punto di vista della ricerca - dice il portavoce del Movimento dei Forconi Abruzzo - rientra Desalurban, realizzato dalla facoltà d’ingegneria dell’'Università di Alessandria. Il progetto, con un finanziamento di circa 730.000 euro, si propone di garantire la disponibilità di nuove risorse idriche attraverso la sperimentazione pilota d’impianti per la desalinizzazione dell’'acqua salmastra. L'’acqua salmastra sotterranea rappresenta l’unica fonte d’acqua per molte zone aride della costa settentrionale dell'’Egitto e, di conseguenza, l’unico modo per favorire l’urbanizzazione di queste aree è l’investimento negli impianti di desalinizzazione. Desalurban è particolarmente innovativo non solo perché sperimenta, per la prima volta in Egitto e in Medio Oriente, le moderne tecnologie per la desalinizzazione ma anche perché colma un vuoto nel sistema di conoscenze specifiche. A novembre, infatti, si è svolta presso l’Università di Alessandria la cerimonia di consegna dei diplomi per un gruppo di 16 giovani ingegneri neolaureati egiziani che hanno partecipato per un anno al primo corso di specializzazione accademica nel campo della desalinizzazione. Mentre in Italia - conclude Rossi - non si riesce ad irrigare per i mancanza di soldi e di infrastrutture". Meditate, gente, meditate.

Nicola Chiavetta

 

 

giovedì 23 febbraio 2012, 11:32

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
movimento
forconi
abruzzo
petrolio
italia
forest oil
bomba
europa
ricerca sull'acqua
cooperazione
national water research center
petrolizzazine
centro oli
mohamed rashid
egitto
dino rossi
portavoce
Cerca nel sito