Petrolio&politica. Il candidato di Tsipras attacca il premier Renzi

Il teramano Enzo Di Salvatore: «il Parlamento invece di legiferare chiede al Governo di farlo al posto suo»

Petrolio&politica. Il candidato di Tsipras attacca il premier Renzi

IL CANDIDATO ALE EUROPEE DI SALVATORE: «IL GOVERNO DECIDE»«Renzi dovrebbe ridisciplinare tutta la materia che regola l’estrazione di petrolio? Così pare, stando alla risoluzione del Senato, Commissione Ambiente, della scorsa settimana. Cuor di leone: il Parlamento invece di legiferare chiede al Governo di farlo al posto suo. Ma non basta: fa finta di ignorare che tutti i progetti depositati ad oggi in Parlamento vogliono il blocco delle attività petrolifere, e non la disciplina di tali attività. Una patata bollente che il Senato non vuole tenere in mano e passa al Governo: del resto, a colpi di decreti si è sempre ottenuto tutto. Ma la sua parte il Senato l’ha fatta la scorsa settimana con tre non azioni indicate nella risoluzione: aumento delle royalties al 50%: cosa di per sé già inutile ma in più prevista solo per le nuove concessioni; parere obbligatorio degli enti locali nel procedimento V.I.A.: non si sono accorti, i Senatori, che l’obbligo già esiste;  ratifica del protocollo offshore della Convenzione di Barcellona: fatto già accaduto perché l’Unione Europea ha aderito, e Italia conseguentemente»Così il teramano Enzo di Salvatore, professore associato di Diritto Costituzionale all'Università di Teramo, candidato alla Circostrizione Meridione per la Lista Tsipras. 

Redazione Independent

sabato 22 marzo 2014, 15:46

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
enzo di salvatore
tsipras
europee
renzi
petrolio
professore
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Consumismo Americano

Società

di Benny Manocchia

Leggi americane

Storia

di Benny Manocchia

C'era una volta in America

Sport

di Benny Manocchia

Quando Pelé mi disse..

Storia

di Benny Manocchia

Playboy italo-americano