Parolisi minacciato di morte

Uno 'ndranghetista: «Peccato che non ti hanno mandato in questo carcere perchè ti avrei ucciso con le mie mani»

Parolisi minacciato di morte

PROCESSO PAROLISI - Non concessi gli arresti domiciliari al caporal maggiore dell’Esercito, Salvatore Parolisi, principale imputato per l’omicidio della moglie Melania Rea. A deciderlo è stato il gip Marina Tommolini  nella tarda mattinata di ieri. Parolisi, dunque, attenderà nel carcere di Teramo, Castorgno, l'esito del processo a suo carico. La procura di Teramo, titolare dell’inchiesta sul delitto deòòa giovane mamma di Somma Vesuviana, aveva già espresso parere negativo alla richiesta avanzata dai legali Valter Biscotti e Nicodemo Gentile. Sarà sempre il gip Tommolini il prossimo 12 marzo, a dover decidere anche su questo.

RIVELAZIONI DE IL CENTRO - Sul quotidiano della famiglia De Benedetti è apparsa una notizia di una lettera minatoria, ricevuta dal caporalmaggiore Parolisi in carcere. Il mittente, identificato dopo una breve indagine, sarebbe uno ‘ndranghetista, rinchiuso nel carcere di Cosenza. Non più, dunque, inquietanti lettere d'amore, inviate da folli ammiratrici. «Peccato che non ti hanno mandato in questo carcere perchè ti avrei ucciso con le mie mani», scrive l’uomo a Parolisi. «Le donne non si toccano mai. Ma forse un giorno ci incontreremo e allora saprò cosa fare». Com'è noto anche il mondo criminale ha le sue regole e la sua etica: donne e bambini non devono essere toccati. La pena è la stessa riservata ai cosiddetti "infami", cioè: la morte.

Red. independent

martedì 21 febbraio 2012, 14:06

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
melania rea
marito
parolisi
carcere
processo
omicidio
ndrangheta
notizie
minacce
lettere
teramo
tommolini
valter biscotti
nicodemo gentile
avvocati
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Consumismo Americano

Società

di Benny Manocchia

Leggi americane

Storia

di Benny Manocchia

C'era una volta in America

Sport

di Benny Manocchia

Quando Pelé mi disse..

Storia

di Benny Manocchia

Playboy italo-americano