Pagano rompe il silenzio

Il presidente del Consiglio regionale: «Felice per l'assoluzione di D'Alfonso ma stop all'euforia nel Pd».

Pagano rompe il silenzio

ASSOLUZIONE D’ALFONSO: PAGANO, BASTA POLEMICHE CONTRO SINDACO DI PESCARA. «La sentenza di assoluzione dell’ex sindaco Luciano D’Alfonso, al quale esprimo le mie personali felicitazioni, non può giustificare un eccesso di entusiasmo da parte di alcuni esponenti del suo partito i quali, nell’euforia del momento, sono arrivati addirittura a contestare l’esito di un democratico confronto elettorale. Luigi Albore Mascia è divenuto sindaco di Pescara in occasione di una competizione elettorale regolare in cui ha sconfitto il suo avversario di centrosinistra Alessandrini, ed il suo mandato da primo cittadino lo sta svolgendo, pur nelle difficoltà della congiuntura economica che sta vivendo il nostro Paese, con grande impegno e con eccellenti risultati. Pertanto suggerirei agli sprovveduti che alzano la voce fuor di luogo di mantenere un comportamento più equilibrato e più rispettoso della volontà popolare. Troppe volte, anche nel corso degli ultimi anni, abbiamo assistito ad entusiasmi sproporzionati poi trasformatisi rapidamente in stato d’animo depressivi. Chi svolge attività politica nell’interesse del bene comune deve sempre mantenere un atteggiamento di sobrietà ed equilibrio». Lo ha detto Nazario Pagano, Presidente del Consiglio regionale, nonché direttore politico di AgorAbruzzo, in merito alle polemiche di alcuni esponenti del Partito democratico nei confronti della maggioranza di centrodestra che governa il Comune di Pescara.

twitter@subdirettore

mercoledì 13 febbraio 2013, 17:52

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
pagano
agorabruzzo
d'alfonso
assoluzione
notizie
Cerca nel sito

Identity

Food & Wine

di Benny Manocchia

Italian thanksgiving

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?

Società

di Silvia Cipolloni

Wistleblowing!

Sport

di Benny Manocchia

Ciao Italia!