Ossessionato da una bella vedova si trasforma in maniaco ossessivo

Chiamate notturne, falsi profili facebook, pedinamenti finchè la donna non lo denuncia ed il giudice emette il divieto di avvicinasi ai luoghi da lei frequentati

Ossessionato da una bella vedova si trasforma in maniaco ossessivo

MOLESTA RIPETUTAMENTE UNA VEDOVA: IL GIUDICE APPLICA IL DIVIETO D'AVVICINAMENTO. Rimasta vedova, viene contattata da un uomo conosciuto molti anni prima. Lui le offre amicizia ed aiuto ma in realtà vuole indurre la donna a legarsi a lui sentimentalmente. Respinto inizia a seguirla nei suoi spostamenti e a tempestarla di telefonate. La Polizia denuncia l’aggressore per “stalking” ed il GIP del Tribunale di L’Aquila, su proposta del P. M. titolare dell’indagine, emette l’”Ordinanza applicativa della misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa”.

I FATTI. Rimasta vedova, nel 2009 una donna aquilana viene contattata da un uomo conosciuto molti anni prima. Lo stesso le offre amicizia, aiuto e comprensione ma ben presto, però, la donna si rende conto che ciò che in realtà egli cerca è una relazione sentimentale. Infatti dopo i suoi continui rifiuti egli diventa oppressivo: inizia a chiamarla ripetutamente al telefono, ad inviarle messaggi, a seguirla nei suoi spostamenti nonché ad attenderla fuori dal luogo di lavoro. Contatta i figli della donna, apre dei falsi profili facebook nonché delle caselle di posta elettronica a nome di lei, ignara di tutto, solo al fine di controllare le persone che la stessa frequenta.

LA DENUNCIA. La donna, esasperata, nel Febbraio del 2014 si rivolge alla Polizia.  Negli Uffici della Squadra Mobile inizia un via vai di persone ascoltate in qualità di persone informate sui fatti e tutte confermano quanto dichiarato in denuncia dalla donna. In più lo stesso personale della Squadra Mobile riscontra in più occasioni la presenza dell’uomo in alcuni posti nel momento stesso in cui era presente la denunciante.

L'ORDINANZA. L’uomo, un cinquantaduenne nato e residente in uno dei paesi immediatamente a ridosso della città di L’Aquila, con precedenti di polizia in materia di “reati contro la persona” e “reati contro il patrimonio”, viene denunciato per “stalking” ed il GIP del Tribunale di L’Aquila, su proposta del P. M. titolare dell’indagine, emette a suo carico l’”Ordinanza applicativa della misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa”.

Redazione IN

sabato 05 luglio 2014, 11:57

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
l'aquila
notizie
vedova
stalker
stalking
uomo
divieto
Cerca nel sito