Ortona capolista solitaria. Simoni: "Abbiamo un grande cuore"

Una marea di gente è arrivata a Sora per essere al fianco della squadra ortonese, orfana di due pedine importanti come Matteo Guidone e Antonio De Paola

Ortona capolista solitaria. Simoni: "Abbiamo un grande cuore"

Una marea di gente è arrivata a Sora per essere al fianco della squadra  ortonese, orfana di due pedine importanti come Matteo Guidone e Antonio De Paola. La Sieco Service porta a casa punti che pesano come macigni e una vittoria che ha  decretato la vetta solitaria della squadra ortonese. La squadra di casa parte con Fabroni al palleggio e Hirsch opposto, Fiore/Cala  schiacciatori, i centrali Salgado e Sperandio e il libero Santucci. Per Ortona capitan Lanci in regia e opposto Michalovic, schiacciatori Di Meo/Cisolla,al  centro Simoni/Moretti, libero Cortina.
Nonostante due fischi molto dubbi Sora spinge subito costringendo coach Lanci a
richiamare i suoi sul 6-2. Il muro di casa fa sentire l'aria pesante a Michalovic segnando così il parzialone sul  10-4. La Globo continua a macinare e l'unico spiraglio per la Sieco è il muro di Cisolla  sull'opposto tedesco. (16-10). Simoni in ace cerca di accorciare le distanze sul (18-12) ma il vero scatto d'orgoglio  c'è quando Michalovic butta giù il -4 ortonese. (19-15)
Sora è più attenta, soprattutto brava a fermare Michalovic e si aggiudica il primo set.
(25-18). Il secondo set inizia male per gli abruzzesi che accusano il colpo e si trovano subito
sotto. 5-1 al PalaGlobo. L'ace di capitan Lanci fa avvicinare gli impavidi di nuovo perché questa squadra,  nonostante le assenze, non smette di combattere. (6-4). Con il fallo di formazione per i ciociari, Ortona avanti 6-7 con coach Soli a fermare il gioco. Al time out 9-12 con spettacolo puro e colpi da manuale per e due squadre. Fabroni fa impazzire tutti sfornando palloni pregiati e in casa Impavida Cisolla suona la  carica. (11-15). Il 15-19 è segnato da una vera e propria “lavatrice” di Michalovic. Sul 17-22 cambio a muro per Orsini al posto di Lanci. Il 18-24 è segnato dal muro granitico di Di Meo su Hirsch e Ortona vince. (19-25). Si torna in campo e ora è la squadra di Lanci a imporsi a muro prima con Di Meo, poi con Moretti e 1-4 sul tabellone. Ma nulla è detto in questa gara. Gli errori in casa Impavida prima, e la sentenza Sperandio a muro su Michalovic dopo, segna il sorpasso casalingo. ( 5-4) La gara si infiamma e il muro di Michele Simoni su Fiore, segna la parità. 10-10. Il turno in battuta del sulmontino Di Meo fa infuriare Soli che chiama la squadra in  panca. (14-16) Sul 15-19 cambio in casa laziale con Bacca al posto di Cala. Cisolla è l'uomo set e con esperienza mette giù palloni di alta classe. (19-22) Il tempo si ferma, insieme ai cuori di tutti i tifosi ortonesi, quando Di Meo stampa un muro che vede la palla scendere precisamente sulla linea di fondo campo. Il terzo set finisce 21-25.
Quarto set e cambi in casa frusinate con Paris al posto di Fiore. L'equilibrio è quello delle grandi sfide e si comincia con il 6-6. La prima a mettere il  muso avanti è la squadra di casa spinta da Salgado, 10-8 in quel di Sora. Risultato ribaltato sul 10-11 con l'opposto tedesco spento e molto falloso. Doppio cartellino per Fabroni e Michalovic, che sportivamente si stringono la mano al
rientro dal time out tecnico. (11-12). Ora è Sperandio a fare male alla ricezione ortonese e accompagna i suoi al +2 (16-14). Simoni Hirsch attacca di forza e 19-16 con il PalaGlobo che si infiamma. Sul 21-18 entra Marzola in battuta al posto di Salgado. Sora vince 25-20 e tie-break sia. 0-5 con Simoni in battuta e cambio per Soli con Bacca al posto di Paris. Paris rientra in campo con Sora a recuperare. (5-9) Simoni annienta Hirsch e ora l'Impavida diventa forte e determinata. (6-12) I ciociari dal canto loro non demordono e fanno bene, capitan Fabroni è il vero leader  della squadra e sa gestire la tensione. ( 12-13). La Sieco Service Impavida Ortona cerca, vuole e trova la vittoria che consente di  rimanere sola e prima in classifica ( 13-15 l'ultimo parziale). La squadra dimostra di  essere unita e il campo ha dichiarato la sua forza.

Redazione Independent

lunedì 09 marzo 2015, 08:53

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
impavida
ortona
sieco service
classifica
capolista
sora
cisolla
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Consumismo Americano

Società

di Benny Manocchia

Leggi americane

Storia

di Benny Manocchia

C'era una volta in America

Sport

di Benny Manocchia

Quando Pelé mi disse..

Storia

di Benny Manocchia

Playboy italo-americano