Ore 3 e 32 del 6 aprile 2009! L'Aquila muore, l'Abruzzo devastato, la speranza è la rinascita

A nove anni dal tremendo terremoto che devastò la vita di migliaia di abruzzesi resiste la voglia di ricominciare a vivere per chi quella notte ha perso la vita tra le macerie

Ore 3 e 32 del 6 aprile 2009! L'Aquila muore, l'Abruzzo devastato, la speranza è la rinascita
ORE 3 E 32 DEL 6 APRILE 2009! L’AQUILA MUORE, L’ABRUZZO È DISTRUTTO. Nove anni! Sono passati nove anni dalla distruzione della nostra identità. Nove anni dalla morte di chi stava investendo nel proprio futuro. Nove anni dalla cancellazione di centinaia di vite umane, migliaia di imprese e di negozi aquilani. Nove anni di dolori insopportabili...
La mattina del 6 aprile 2009, subito dopo la scossa distruttiva delle ore 3 e 32, tutto il mondo con un cuore buono (eccetto quei maledetti banditi che ridevano) si è messo in moto per cercare di guarire quelle ferite sanguinanti e impossibili da cauterare. Ma noi siamo abruzzesi, gente delle montagne, tosta come la pietra del Gran Sasso o della Majella. Abbiamo deciso di non mollare, di andare avanti per onorare la nostra storia e la memoria di chi non c'è più.
Devastati dalla sofferenza riporteremo L'Aquila, il nostro simbolo più nobile, a volare. Lassù, vicino al Paradiso.
Redazione Independent

venerdì 06 aprile 2018, 15:20

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
laquila
6 aprile 2009
muore
terremoto
sisma
Cerca nel sito