Orchestra of Spheres

Martedì 10 luglio, ore 22, a "La Lampara". Visci: «Sono animali selvaggi»

Orchestra of Spheres

ORCHESTRA OF SPHERES - La prima volta che ho sentito parlare dell' "Orchestra di Sfere" è stato grazie a Brian Shimkovitz (aka Awesome Tapes From Africa) ne tesseva lodi smisurate e descriveva il loro live come uno dei migliori degli ultimi anni. Siamo su un terreno "weird" e "afro-beat" o forse sarebbe meglio dire "tasman-beat" visto che i nostri arrivano dalla "Terra dalla lunga nuvola bianca" scoperta da Tasman e Coock qualche secolo fa, la Nuova Zelanda. Orchestra Of Spheres sono la punta di diamante della scena underground di Wellington – più che la provincia direi la periferia (paradisiacadel mondo a noi noto. Dalla Frederick Street Sound and Light Exploration Society all'All Tomorrow's' Party, dove, non a caso, Caribou li ha fortemente voluti nell'edizione da lui curata, ovviamente anche lui dopo averli visti dal vivo.

LA BAND - Una reputazione di selvaggi animali da palco e house party costruita nel tempo grazie alle loro performance. Nonagonic Now, primo album per Fire Records (in realtà una riedizione di un lavoro autoprodotto edito dalla la comune di cui sopra) e ascoltabile sul loro bandcamp, porta in dote 45 minuti di groove alieno, poliritmie africane, voodoo marcio, funk bianco deformato e dall’attitudine spacey, elettroniche d’accatto, percussività incessante ed eclettica, gamelan indonesiani, tradizionali del Borneo e tutto ciò che vi può venire in mente - frullato insieme - dai 23 Skidoo ai Rapture lo ritroverete miscelato in varie dosi nei 10 pezzi dell’album, con in più una capacità teatrale non indifferente. Dopotutto da quattro schizzati che si chiamano Mos IocossBaba Rossa, Jemi Hemi Mandala e E = MC303 e che suonano, tra le altre cose, theremin, gamelan, biscuit tin guitar, electric bass carillion, sexmouse marimba (?!), il minimo che ci si può aspettare è un sabba di “ancient future funk” gioioso, giocoso, nonsense e spastico. Terribilmente accattivante, mosso com’è alla ricerca della “spontaneous symmetry in sound”. (liberamente tratto da Stefano Pifferi - Sentireascoltare).                                                                                                                                                                                                                                                Paolo Visci                                                                                                      Indie Rocket Festival

 

 

 

 

 

 

 

lunedì 09 luglio 2012, 13:07

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
indie rocket festival
paolo visci
orchestra of spheres
la lampara
marted beba rossa
jemi hemi mandala
skidoo
rapture
Cerca nel sito

Identity