Omicidio-suicidio a Rancitelli. L'autopisa conferma la causa della morte

La piccola Neyda è stata uccisa dal padre col fuoco. Restano gravi le condizioni della madre ricoverata a Roma

Omicidio-suicidio a Rancitelli. L'autopisa conferma la causa della morte

OMICIDIO-SUICIDIO DI RANCIELLI. L'AUTOPSIA CONFERMA LA MORTE DELLA PICCOLA NEYDA. E stata uccisa dal fuoco che il padre, Gianfranco Di Zio, ha appiccato dentro la sua Pegeut e che ha avvolto il suo piccolo corpicino.

La morte di Neyda, 5 anni, è avvenuta domenica pomeriggio in via Lago di Chiusi a Pescara.

Restano gravissime le condizioni della madre che è  ricoverata con ustioni sul 45% del corpo nel reparto Grandi Ustionati del S. Eugenio di Roma.

I funerali della piccola Neyda si terrannoi il primo maggio a Cepagatti, alle 15.30, nella parrocchia di Santa Lucia, mentre domani alle 17 sono previsti a Pescara, nella chiesa di San Giuseppe, i funerali di Gianfranco Di Zio.

Il comune di Cepagatti ha annunciato il lutto cittadino.


Redazione Independent

mercoledì 30 aprile 2014, 08:45

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
gianfranco di zio
neyda
via lago di chiusi
pescara
rancitelli
omicidio
suicidio
funerali
chiesa
Cerca nel sito

Identity

Attualità

di Benny Manocchia

Se questa è Europa

Società

di Benny Manocchia

Americani senza Dio

Food & Wine

di Benny Manocchia

Italian thanksgiving

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?