Niente cure gratis alle suore, sindacalista deluso lascia la Cisl

Franco Capanna, capo Lega Fnp Cisl, aveva ottenuto che suore e claustrali avessero visite mediche specialistiche gratuite

Niente cure gratis alle suore, sindacalista deluso lascia la Cisl

TOGLIETEMI TUTTO, MA NON LE MIE SUORE. Sindacalista deluso lascia la Cisl di Teramo. Franco Capanna, capo Lega Fnp Cisl, aveva ottenuto che suore e claustrali avessero visite mediche specialistiche gratuite grazie alla disponibilità dell'Ordine dei medici e degli odontoiatri di Teramo che aveva riconfermato l'accordo stipulato con la Cisl. Grazie a questo accordo, le religiose potevano contare di questo importante mezzo di supporto e alleviare la loro precarieta' economica.

QUELLE RASSICURAZIONI DISATTESE. Capanna aveva avuto rassicurazione che questo modello, lanciato in provincia di Teramo, venisse diffuso in tutte le province e citta' d'Italia "ma tale principio è venuto meno dal segretario Cisl, Antonio Scuteri, e dai vertici sindacali. Le religiose non ricevono nessun aiuto economico dal Vaticano. Mi ero impegnato con le religiose di altre regioni, convinto di uno sforzo poderoso di altri sindacalisti ma non c'è stata l'azione definita e concordata per mancanza di direttive. Resta la perla della nostra provincia ma un'opera incompiuta. Resta il rispetto per Scuteri e la stima per i colleghi ma nessuna giustificazione quando si deludono speranze per migliaia di religiose in difficolta' oggettive di ordine economiche delle quali per loro virtu' nemmeno se ne lamentano per amore e sopportazione. La mia collaborazione con la Cisl termina".

Gli Indipendenti

martedì 01 luglio 2014, 17:19

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
cisl
suore
sindacati
cronaca
teramo
Cerca nel sito

Identity

Food & Wine

di Benny Manocchia

Italian thanksgiving

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?

Società

di Silvia Cipolloni

Wistleblowing!

Sport

di Benny Manocchia

Ciao Italia!