Mostre: a Sulmona c'è “The White Room” di Pierluigi Abbondanza

L'esposizione dell'artista giuliese sarà inaugurata oggi pomeriggio alle ore 18, presso il Laboratorio d’arte MAW

Mostre: a Sulmona c'è “The White Room” di Pierluigi Abbondanza

LA MOSTRA. Sarà inaugurata oggi pomeriggio alle ore 18, presso il Laboratorio d’arte MAW di Sulmona, la mostra “The White Room” dell’artista Pierluigi Abbondanza. Organizzata dall’associazione culturale MAW Laboratorio d’arte, l'esposizione resterà aperta fino al 7 marzo e potrà essere visitata tutti i giorni dalle 10:30 alle 12:30 e dalle 17 alle 20, nei locali della sede di MAW in Via Morrone 71 (angolo Via Pansa).

CHI E' ABBONDANZA. Pierluigi Abbondanza nasce nel 1975 a Giulianova, dove vive e lavora. Nel 1992 si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Roma dove frequenta il corso di pittura del prof. Aldo Turchiaro e si diploma nel 1997. Abbondanza rivolge il suo interesse prevalentemente alla pittura antica e già in diversi quadri giovanili mostra il desiderio di rileggerla in chiave contemporanea. Il confronto con le opere di antichi maestri diventa per il pittore una occasione per raggiugere la consapevolezza delle proprie capacità tecniche. Nel 2006, l’ interesse per la “pittura anacronista” è il passaggio della sua ricerca, a cui si deve la concezione di un ciclo dì opere nelle quali varie suggestioni lo ispirano a una rilettura spontanea della storia dell’arte recente e passata. In questi dipinti si configurano elementi legati alla sacralità ed ad un’idea dì espressione del rapporto fra arte e scienza. Dal 2010 intraprende una figurazione che si connota per una maggiore sintesi, nell’intento di rendere più penetrante il tema della memoria, tutt’ora al centro della sua arte.

IL CATALOGO DI PRESENTAZIONE. Come scrive Ilaria Gualtieri nel catalogo di presentazione della mostra, “The White Room” è “una profonda, ripetuta interrogazione sul tempo la pittura di Pierluigi Abbondanza. La ricerca di un ritmo altro e di un’altra coscienza che l’artista esperisce dentro di sè e nell’immagine, che riflette e irrompe nello sguardo/ritmo dello spettatore. Sotto l’urto incessante del Consumo il tempo si dissolve nel dominio di un continuo presente che bandisce la memoria: abbiamo bisogno di ricomporre le nostre narrazioni. Questo il discorso e la rotta sostenuti, qui, da un istinto del mezzo espressivo che è piacere di immaginazione e cultura; da una pittura che non è gesto ma è processo, distillazione di pensiero e colore nel pennello che addensa e sosta, stratifica meditazioni e spessori, silenziosamente polemico nei confronti del tempo rapido dei nuovi mezzi di produzione dell’icona. Ed ecco allora istanti che ci guardano dal passato, momenti amati della storia dell’arte, riverberi inesausti di immagini “ritrovate” farsi terreno di una sperimentazione visiva sentita innanzitutto come recupero della coscienza: le immagini incantatrici di lontane reveries trovano un varco e infiltrano i nostri schermi quotidiani (She dreams, Half woman); le figure nelle quali rimanemmo assorti si ripetono oggi per nuove derive (Ufficio immaginario); volti “pungono” dall’immenso album della Rete e replicano il loro enigma (Maternità, Giovane donna in posa) a liberare nuova percezione. Tessuta sul prelievo sapiente, sul mistero dell’attimo, sui giochi d’illusione delle stesure e della tela, la pittura di Abbondanza sovverte i nostri ritmi, altrove perturbante all’incrocio tra reminiscenza e vissuti di ora, che il tempo cancella ma che il tempo è capace di riconsegnare perché riconferma al ricordo la funzione necessaria di conoscenza. Il suo percorso, condotto oggi su una figurazione costruita sulla dialettica volto/memoria, è un atto di fiducia nella possibilità di un nuovo umanesimo nella creazione e nella fruizione dell’immagine”.

Redazione Cultura

sabato 28 febbraio 2015, 07:09

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
mostre
arte
sulmona
pierluigi
abbondanza
cultura
Cerca nel sito