Montesilvano è sporca. Maragno: sui rifiuti tutto da cambiare

Il centrodestra punta il dito sulla gestione Di Mattia: «La città è invasa dai rifiuti»

Montesilvano è sporca. Maragno: sui rifiuti tutto da cambiare

MONTSILVANO E' SPORCA. MARAGNO ATTTACA DI MATTIA. «Riceviamo continue segnalazioni da parte di cittadini stanchi di dover vivere in una Montesilvano sporca, insicura e abbandonata a se stessa. L'ultima, ma solo in ordine cronologico, evidenzia il totale degrado nel quale si trovano moltissime zone della nostra città». E' quanto dichiara il candidato sindaco del centrodestra, Francesco Maragno, facendo riferimento alle montagne di rifiuti (nelle foto) che questa mattina hanno accolto i piccoli studenti della scuola dell'infanzia di via Marinelli angolo via Lazio e che hanno invaso anche piazza Dean Martin. «E' scandaloso che una città non riesca ad assolvere a compiti di prima necessità. Lasciare montagne di rifiuti a macerare per le vie della città è solo uno dei tanti segnali della completa inadeguatezza di chi ci ha governati sino ad oggi. Cambiando l'ordine degli addendi il risultato non cambia. Se l'amministrazione Di Mattia-Ruggero non è riuscita in due anni di tempo a risolvere uno solo dei problemi di Montesilvano, dubitiamo fortemente che possa farlo l'amministrazione Ruggero-Di Mattia».
«Siamo prossimi alla stagione estiva - continua Maragno - e non possiamo permetterci di accogliere i turisti con un biglietto da visita fatto solo di rifiuti. Il 9 giugno finalmente le cose potranno cambiare. Montesilvano, come priorità assoluta, deve valorizzare la gestione dei rifiuti sul territorio comunale in modo da ridurre i relativi tributi (TARSU). Potenzieremo la raccolta differenziata e introdurremo un sistema di premialità per il cittadino nel conferimento dei rifiuti. Dobbiamo rendere la città più vivibile per tutti».

Redazione Independent

martedì 03 giugno 2014, 13:39

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
rifiuti
maragno
montesivano
di mattia
notizie
Cerca nel sito