Maxi operazione della Squadra Mobile di Pescara contro il racket della prostituzione

Eseguiti diversi arresti nei confronti di cinque gruppi criminali albanesi e romeni che si erano divisi il territorio. Una prostituta della Stazione aveva il virus dell'HIV

Maxi operazione della Squadra Mobile di Pescara contro il racket della prostituzione

MAXI OPERAZIONE DELLA SQUADRA MOBILE DI PESCARA CONTRO IL RACKET DELLA PROSTITUZIONE. Una mega operazione condotta dalla Squadra Mobile di Pescara ha condotto all'arresto dei responsabili di cinque organizzazioni criminali, composte da cittadini albanesi e romeni, con l'accusa di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione nel capoluogo adriatico. Gli agenti della Squadra Mobile, coordinati dal primo dirigente Pierfrancesco Muriana, in collaborazione con i colleghi delle Squadre Mobili di Teramo e Lucca, hanno dato esecuzione a undici misure cautelari restrittive (otto in carcere e tre ai domiciliari) disposte dal Gip del Tribunale di Pescara Nicola Colantonio, su richiesta del Pm Gennaro Varone. Ricorstuito un giro d'affari da centinaia di migliaia di euro al mese. L'indagine, partita nel 2016 anche sulla base di segnalazioni di un comitato spontaneo di cittadini, è andata avanti grazie a intercettazioni telefoniche e servizi di personale in borghese ed ha portato alla luce il meccanismo di divisione del territorio pescararese da parte delle bande criminali, allo scopo di evitare contrasti e litigi in strada tra le prostitute. Durante le indagini è stata poi individuata una donna di 35 anni, pregiudicata, che vendeva il proprio corpo nella zona della stazione ferroviaria di Pescara, e che è risultata affetta dal virus del HIV e da epatite. "Al riguardo - si legge nella nota della Questura di Pescara - e al solo fine di acquisire ulteriori elementi atti ad avvalorare potenziali sue responsabilità per eventi lesivi, connessi alla possibile trasmissione delle suddette patologie, l'Autorità Giudiziaria, facendo salvi i diritti connessi alla tutela dei dati sensibili delle persone coinvolte, ha autorizzato la divulgazione di detta circostanza. In tal senso la Polizia di Stato, con l'assoluta garanzia di anonimato, invita chiunque abbia notizie utili da riferire a recarsi presso gli uffici della Squadra Mobile di Pescara". 

Redazione Independent

martedì 02 maggio 2017, 12:28

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
prostituzione
racket prostituzione
polizia prostituzione
pescara prostituzione
ultime notizie prostituzione
stazione
virus hiv
Cerca nel sito