Libri, la Pezzopane scrive prefazione all'ex boss Rino Bonifacio

La senatrice aquilana sull'autobiografia "Malabellavita": storia criminale e di narcotraffico giunta alla terza ristampa. A breve anche un film/serietv

Libri, la Pezzopane scrive prefazione all'ex boss Rino Bonifacio

LIBRI: PEZZOPANE (PD): "PERCHÉ HO SCRITTO LA PREFAZIONE AL ROMANZO 'MALABELLAVITA'". Sarà presentata anche a L'Aquila l'autobiografia dell'ex boss del narcotraffico Rino Bonifacio oggi scrittore: la prefazione de ''Malabellavita'' giunto al traguardo della terza ristampa e che verrà presentato al pubblico prossimamente a Roma e Milano, è stata scritta dalla senatrice aquilana del Pd Stefania Pezzopane. Ma Il progetto al quale partecipa la senatrice Pezzopane è più vasto, anche in vista della trasposizione del racconto in film/serietv.
"Quella di Rino Bonifacio - spiega Pezzopane - e' una storia criminale, crudele che provoca rabbia e disagio nel lettore per la gravità dei fatti narrati. Ho accettato di scrivere la prefazione al libro dopo averlo letto tutto d'un fiato e dopo aver conosciuto e incontrato Rino Bonifacio. Ho voluto prima vederlo e conoscerlo, conoscere le sua storia, studiare le carte dei suoi procedimenti, leggere i suoi ricorsi e capire di più di quello che era nel libro. Ma soprattutto ho voluto conoscere, oltre la sua allucinante storia passata, la sua vita presente di padre e compagno amorevole. Conoscendo lui e la sua famiglia, ed il figlio Ciro, stentavo a credere che l'uomo che ho conosciuto potesse essere stato in passato, il criminale dipinto come un mostro dalla cronaca internazionale. Ed invece è così, il Rino di prima, criminale e narcotrafficante, il Rino di oggi, alla ricerca del suo nuovo equilibrio, con la sua famiglia ed il suo lavoro. Nella mia esperienza politica ed istituzionale ho conosciuto terroristi, assassini, criminali, nelle carceri organizzo ogni anno un premio di poesia tra detenuti. La storia di Rino l'Elite è la storia di un giovane criminale che ha passato la meglio gioventù nelle carceri di massima sicurezza di tutta Italia".

LA TRAMA. Un racconto ai limiti della sceneggiatura cinematografica, che racconta però fatti realmente accaduti, protezioni politiche, impreparazione a combattere il crimine ma anche un'epopea di vita vissuta tra Napoli Milano Riccione Ibiza Amsterdam Miami e Colombia, nel fulgore di tutte le tendenze degli anni 80/90. Rino Bonifacio passa da un processo all'altro e da un carcere all'altro. Ancora oggi si trova , dopo 18 anni di carcere con delitti e reati lontani ed alle spalle, in regime di libero vigilato. "Io ho conosciuto un Rino nuovo - dice la senatrice - che cerca un'altra vita e la felicità della vita familiare e gli affetti degli amici. Ho scritto questa prefazione perché spero che la storia di Rino, il racconto del passato criminale, e il presente in cui lui cambia vita e scrive la sua storia, possa servire a mettere uno spartiacque col crimine. L'Italia deve liberarsi dal crimine e conoscere questa storia vera di persone in carne ed ossa che fa capire molto della criminalità italiana ed internazionale. Mentre leggevo il libro Malabellavita a giugno, la procura aquilana arrestava persone a L'Aquila appartenenti al clan dei casalesi e io sollecitavo la presidente dell'antimafia a visitare la mia città. Mi è sembrato quasi un segno. La storia di Rino che finisce la sua storia criminale e ne inizia un'altra. La mia speranza e' che la conoscenza dei fatti possa aiutare la lotta contro la criminalita'. La giustizia deve operare contro il crimine,  E chi delinque, però, espiate le proprie colpe, si deve poter ricostruire una propria vita con i propri familiari e ricominciare da capo".

Redazione Independent

mercoledì 15 ottobre 2014, 10:34

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
rino bonifacio
malabellavita
boss
libro
prefazione
ergastolo
Cerca nel sito

Identity