Li abbiamo presi a pallonate ma alla fine ad esultare è Bologna

Magnifica prestazione del Pescara di Oddo che esce a testa alta dal Dall'Ara dove è andato ad un passo dalla vittoria

Li abbiamo presi a pallonate ma alla fine ad esultare è Bologna

IL DELFINO ESCE A TESTA ALTA DAL DALL'ARA MA SONO LACRIME. Il Pescara di Massimo Oddo e i suoi 3mila fans magnifici escono a testa alta dallo stadio Dall'Ara dove fino alla fine hanno rischiato di agguantare il sogno di tornare in Serie A dopo soli 4 anni dalla tragica retrocessione. Ma alla fine il pareggio 1-1 non è bastato ai biancazzurri, imbattuti nelle finali play off, ed al triplice fischio finale dell'arbitro Fabbri di Ravenna - maluccio sui rigori non dati ieri e venerdì in casa all'Adriatico - ad esultare è stata la Città degli Asinelli. Peccato perchè nel secondo tempo abbiamo avuto la possibilità di fare lo scherzetto al Bologna di Delio Rossi del quale ci siamo mostrati nettamente superiori. Prima il pareggio di Pasquato, subentrato ad un inguardabile Caprari, con un bellissimo diagonale. Poi il rigore non dato su fallo di mano di Ceccarini. Ancora il Sindaco Sansovini che ha sfiorato il palo ma poteva servire Melchiorri che era solo in area di rigore e Salamon che di testa ha sfiorato il gol. Ma l'occasione più clamorosa al secondo minuto di recupero della gara c'è stato quando l'attaccante marchigiano ha spedito ancora una volta sulla traversa la palla del due a uno per noi. Insomma il Bologna in dieci uomini è stato preso a pallonate ma purtroppo nel calcio conta chi vince. Loro non hanno vinto contro di noi ma il regolamento assurdo della Sere B prevede che il gol fuori casa vale come quello realizzato tra le mura amiche. E' andata così, siamo stati sfortunati e male. Ma il pensiero più amaro è che se avessimo avuto un allenatore come Oddo in panchina dall'inizio dell'anno probabilmente la storia di questa squadra sarebbe stata diversa.

TABELLINO: BOLOGNA 1 PESCARA 1

Reti: Sansone 40, Pasquato 56' 

Bologna (4-3-1-2): Da Costa,  Oikonomou, Maietta, Morleo; Casarini, Matuzalem, Krsticic (Buchel); Laribi; Acquafresca (Cacia), Sansone (Ceccarelli). A disposizione: Coppola, Ferrari, Masina, Bessa,Improta, Mancosu. All. Delio Rossi

Pescara (4-2-3-1): Fiorillo, Pucino, Salamon, Fornasier, Zampano; Torreira (Lazzari), Memushaj; Politano (Sansovini), Brugman, Caprari (Pasquato); Melchiorri. A disposizione: Aldegani, Selasi, Zuparic, Abecasis, Paolucci, Pettinari. All. Massimo Oddo

ARBITRO: Fabbri di Ravenna (Alessandro Lo Cicero di Brescia e Stefano Alassio di Imperia)

Ammoniti: Memushaj, Melchiorri, Salamon

Espulso: Mbaye (doppia ammonizione)

 

Redazione Independent

mercoledì 10 giugno 2015, 11:30

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
bologna
pescara
play off
sfida
promozione
fabbri
serie a
tabellino
pareggio
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Consumismo Americano

Società

di Benny Manocchia

Leggi americane

Storia

di Benny Manocchia

C'era una volta in America

Sport

di Benny Manocchia

Quando Pelé mi disse..

Storia

di Benny Manocchia

Playboy italo-americano