Le nazioni "buone" e "cattive" per le donne

Nella classifica stilata da Peace and Security di Oslo, con la collaborazione di alcune organizzazioni umanitarie, a sorpresa mancano l'Italia e gli Stati Uniti

Le nazioni "buone" e "cattive" per le donne

LE NAZIONI "BUONE" E "CATTIVE" PER LE DONNE. Finalmente una indagine seria e documentata, organizzata dall'Institute Peace and Security di Oslo, con l'appoggio delle Nazioni Unite ed altre organizzazioni umanitarie. L'idea, in sostanza, era di stabilire le nazioni "best" (migliori) e le nazioni "worst"  (peggiori) per le donne. Per giungere a una conclusione "chiara ed onesta", gli studi si sono basati su tre punti essenziali: Inserimento delle donne nelle decisioni prese nella vita. Giustizia nelle leggi e uguaglianza tra uomini e donne. Sicurezza in famiglia, nelle comunita' e nella societa'. Argomenti decisamente validi, che hanno, dopo due anni di studi, portato alla attesa lista di nazioni "buone" e "cattive". Meraviglia l'assenza dall'elenco di Italia e Stati Uniti, e forse l'Istituto di Oslo dovrebbe spiegare il motivo. Quali potrebbero essere i motivi? 

Ecco le dodici nazioni "buone":
Islanda - Norvegia- Svizzera - Slovenia - Spagna - Finlandia - Canada - Olanda - Svezia -Belgio -Portogallo - Lussemburgo
Questi i dodici Paesi "cattivi":
Ciad - Cameroon - Libano - Nigeria - Sudan - Mail - Iran - Congo - Pakistan - Yemen - Afghanistan - Australia

L'organizzazione ha tenuto a rendere chiaro un punto: molti saranno sorpresi dai risultati dell'indagine. Nessuno ama sentir dire che la sua nazione "se ne frega delle donne", tuttavia i dati, i fatti ricercati e scoperti non ammettono lamentele: un bel pezzo di mondo non apprezza la presenza delle donne. Chissa' se le cose cambieranno,prima o poi.

Benny Manocchia

martedì 07 agosto 2018, 15:53

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
nazioni
donne
nigeria
libano
sudan
iran
congo
pakistan
finlanda
olanda
buone
cattive donne
Cerca nel sito