Le misure a sostegno dell'editoria contenute nel decreto Decreto Rilancio

Nella manovra da 55miliardi ci sono risorse destinate al settore dell'informazione. Credito di imposta fino al 50% per gli investimenti pubblicitari

Le misure a sostegno dell'editoria contenute nel decreto Decreto Rilancio

LE MISURE A SOSTEGNO DELL'EDITORIA NEL DECRETO RILANCIO. Nella manovra da 55miliardi contenuta nel Decreto Rilancio 2020, pubblicato ieri sulla Gazzetta Ufficiale, ci sono risorse destinate al settore dell'informazione.

Di seguito le novita':

  • limitatamente all’anno 2020, l’innalzamento del credito d’imposta per gli investimenti pubblicitari al 50 per cento;
  • al fine di garantire il pagamento entro i termini di legge del rateo del contributo all’editoria in favore delle imprese beneficiarie, la verifica della regolarità previdenziale e fiscale prevista per il primo pagamento è cancellata. La verifica rimane invece operativa per in previsione del saldo del contributo;
  • in via straordinaria per l’anno 2020, un credito d’imposta dell’8 per cento della spesa sostenuta nell’anno 2019 per l’acquisto della carta utilizzata per la stampa di giornali;
  • al fine di sostenere l’offerta informativa online in coincidenza con l’emergenza sanitaria, alle imprese editrici di quotidiani e di periodici iscritte al registro degli operatori di comunicazione che occupano almeno un dipendente a tempo indeterminato è riconosciuto, per l'anno 2020, un credito d'imposta pari al 30 per cento della spesa effettivamente sostenuta nell'anno 2019 per l’acquisizione dei servizi di server, hosting e banda larga per le testate edite in formato digitale, entro il limite di 8 milioni di euro, che costituisce tetto di spesa;
  • a titolo di sostegno economico per gli oneri straordinari sostenuti per lo svolgimento dell’attività durante l’emergenza sanitaria, alle persone fisiche esercenti punti vendita esclusivi per la rivendita di giornali e riviste (edicolanti), non titolari di redditi da lavoro dipendente o pensione, è riconosciuto un contributo una tantum fino a 500 euro, entro il limite di 7 milioni di euro per l’anno 2020;
  • per il 2020, l’applicazione dell’IVA per il commercio di quotidiani e di periodici con una forfetizzazione del reso al 95 per cento, in luogo dell’80 per cento previsto in via ordinaria.
Per informazioni sui nostri servizi pubblicitari potete contattare il numero di telefono 320 0413623.

Redazione Independent

mercoledì 20 maggio 2020, 12:22

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
decreto rilancio
investimenti pubblicitari
editoria
risorse
online
Cerca nel sito