La spiaggia naturista di Torino di Sangro è forse troppo piccola?

Soltanto 150 in località Lago Dragoni mentre la costa abruzzese è di 130 chilometri. L'Abruzzo ha legiferato in questa materia soltanto nel 2013

La spiaggia naturista di Torino di Sangro è forse troppo piccola?

L'ABRUZZO ALLA PROVA DELLA SPIAGGIA NATURISTA DI TORINO DI SANGRO. Bisognerà attendere ancora qualche settimana per verificare se, dopo appena un anno, l'esperimento avviato da un piccolo comune della provincia di Chieti, Torino di Sangro, il primo e il solo in Abruzzo, che ha deciso di riservare uno spazio di appena 150 metri alla pratica del naturismo, sia stata una scelta giusta, magari da potenziare. La costa abruzzese si estende per circa 130 km e interessa tre delle quattro Province (Teramo, Pescara, Chieti) e la nicchia individuata da questo piccolo comune ha posto l'Abruzzo al pari di quelle regioni e quei territori capaci di intercettare segmenti importanti del turismo balneare legato appunto alla pratica del naturismo. L'Abruzzo è arrivato con molto ritardo a legiferare in questa materia. Solamente sul finire dell'estate del 2013 la Regione Abruzzo aveva deciso di mettere mano a una disciplina organica per la valorizzazione del turismo naturista quando fu avviata una proposta bipartisan promossa Riccardo Chiavaroli (Fi) ( ex radicale) ma sottoscritta anche da Acerbo (Rc), Costantini (Idv), D'Alessandro (Pd), Nasuti e Giuliante (Pdl) e una delle due donne che allora componevano l'Assemblea regionale,Marinella Sclocco (Pd) oggi assessore alle politiche sociali approdò in Aula e dopo un iter abbastanza veloce, tra non poche diffidenze e scetticismi dell'opinione pubblica, trovò il successo sperato.

COS'E' IL NATURISMO. Come è noto, il naturismo, secondo coloro che praticano tale attività, rappresenta un modo sano e naturale di vivere nel rispetto del proprio corpo, avendo cura della propria salute e apprezzando il contatto con gli elementi naturali privo di artificiosità e di convenzioni sociali. In Europa le strutture ricettive per naturisti (spiagge, villaggi-vacanze e campeggi) sono attualmente concentrate soprattutto in Francia, Spagna, Croazia, Germania, Olanda, Belgio, Danimarca. «E in questi Stati - affermano i sottoscrittori della legge - il naturismo contribuisce in maniera significativa al bilancio annuale del settore turismo”. Secondo i consiglieri regionali che hanno promosso la norma (seguendo le indicazioni dell’ANAB-Associazione Naturista Abruzzese e le linee guida utilizzate per leggi similari già approvate in Emilia Romagna ed in alcuni comuni italiani) “questo significativo segmento turistico, potrebbe interessare anche l’Abruzzo. Attualmente i tanti turisti europei che giungono in Italia in vacanza e che praticano il naturismo, devono necessariamente recarsi in poche spiagge ( situate soprattutto nella zona dell’Emilia Romagna e del Gargano) mentre, se anche l’Abruzzo si renderà disponibile, la nostra regione diventerebbe un nuovo polo attrattivo turistico per i naturisti di tutta l’Europa, il che rappresenterebbe un ulteriore sviluppo economico per un territorio che sempre più aspira ad una piena vocazione con offerte diversificate».

IN ITALIA SONO IN 500MILA. Le statistiche più aggiornate dimostrano che solo in Italia i naturisti sono ufficialmente cinquecentomila, ma ufficiosamente (prendendo in considerazione anche coloro che non sono iscritti alle associazioni ufficiali, coloro che praticano solo all’estero, coloro che praticano solo occasionalmente) le stime arrivano a superare il milione di sostenitori. «Un milione di persone - ricordano i consiglieri abruzzesi- che si trovano oggi in gran parte a dover scegliere strutture estere per le loro vacanze e che in futuro potrebbero invece scoprire, a partire dalle località dedicate ai naturisti, l’intero Abruzzo».

lunedì 13 luglio 2015, 10:02

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
spiagge
naturiste
abruzzo
nudisti
legge
torino di sangro
lago dragoni
Cerca nel sito