La Proger non si ferma più, a Jesi la terza vittoria consecutiva

Gara fantastica dei ragazzi di Chieti che domenica al PalaLeombroni cercheranno il poker. L'analisi del nostro Stefano Tortoreto

La Proger non si ferma più, a Jesi la terza vittoria consecutiva

LA PROGER NON SI FERMA PIU’, A JESI CENTRA LA TERZA VITTORIA CONSECUTIVA CON GRANDISSIMA PERSONALITA’, 71-76. Non più di un mese fa’ da questa redazione avevamo chiesto pazienza ai tifosi teatini, memori dell’ottimo lavoro svolto lo scorso campionato dallo staff di coach Galli e certi che, con questo gruppo, si sarebbe tornati a sorridere presto. I risultati e, soprattutto, il gioco espresso nelle ultime gare dalla Proger, confermano la fiducia e la stima per questo team. All’inizio del campionato, lo stesso coach Massimo Galli aveva dichiarato che gli equilibri di questo torneo si sarebbero iniziati a vedere verso la metà della stagione e, infortuni alle porte a parte, la Proger aveva già dimostrato nelle prime gare di avere le carte in regola per poter affrontare questo nuovo cammino in maniera più che dignitosa. Ecco perché non ci stancheremo mai di chiedere alla città di Chieti, come ogni settimana abbiamo fatto, di star vicino ai ragazzi ed aver fiducia in questa squadra, che sta mostrando passi da gigante soprattutto nei momenti topici della gara. Le Furie sono riuscite a tenere i nervi saldi nei finali più difficili delle ultime settimane, compresa la gara di questa sera in terra marchigiana, dopo aver dominato largamente le ultime tre frazioni. E si è giocato in un palazzetto che tre giorni fa’ aveva gioito in maniera indescrivibile dopo la vittoria contro Verona, una delle squadre meglio assortite del campionato, e che era pronto ad incoraggiare i propri beniamini in vista di quello che rappresentava uno scontro salvezza a tutti gli effetti. Le Furie, forti anche della presenza di circa duecento sostenitori, partiti da Chieti con un pullman messo a disposizione gratuitamente dalla società e con i propri mezzi, hanno impresso il doppio sigillo contro gli jesini, avendo vinto anche nella gara d’andata. Una vittoria insomma che può valere oro, al di là della classifica attuale, che ci toglie peraltro dalla zona ‘infuocata’.

LA GARA. Coach Lasi inizia la gara con Greene, Hunter, Paci, Santiangeli e Gueye;  coach Galli risponde con Sergio, Piccoli, Lilov, Monaldi e Armwood. Dopo un’iniziale parità dovuta alle realizzazioni di Lilov e Gueye,  il primo minibreak è di Jesi, che vola a +5 con due canestri importantissimi di Hunter. Le Furie provano a resistere con Piccoli, ma l’Aurora allunga fino al +8. La Proger invece fatica, ma non molla la presa e grazie ad Armwood rientra fino al -4. Ma i padroni di casa restano sempre in vantaggio e chiudono il quarto a +7, nonostante i tentativi di rimonta dei teatini. Nel secondo periodo, con una partenza più convinta e con una difesa finalmente tornata aggressiva come piace a coach Galli (e a noi tutti),  Allegretti e Monaldi portano la partita prima in parità poi, dopo un tentativo di riavvicinamento jesino,  premono sull’acceleratore volando a +9 con Isaiah Armwood a dominare in lungo e in largo la gara, mentre i padroni di casa sembrano incapaci di reagire all’impeto agonistico delle Furie. Si va al riposo sul 35-44La Proger riparte alla grande e con Lilov e Monaldi, arrivando anche a toccare il massimo vantaggio a +16 ed impedendo agli uomini di coach Lasi di restare attaccati alla partita, rispondendo colpo su colpo ai tentativi di rimonta jesini. Nei minuti finali della terza frazioneSantiangeli si carica l’Aurora sulle spalle e con una grande prestazione cerca di contenere il vantaggio delle Furie, ridotto a +7. Nell’ultimo quarto ancora Santiangeli guida alla rimonta l’Aurora che giunge al pareggio dopo la tripla di Janelidze. La stanchezza però si fa sentire nei giocatori di Jesi che subiscono subito il +4 della Proger. L’Aurora prova a reagire, ma le Furie conservano il loro vantaggio grazie a Armwood Monaldi e ad un’ottima gestione della garaFinisce 71-76Notevole la crescita del giovane Matteo Piccoli che, dopo la grande prova di domenica scorsa contro la Fortitudo Bologna, si è ripetuto chiudendo con 4 punti, 2 rimbalzi, 2 palle recuperate e 2 assist in 21 minuti. Buona anche la prova di Jacopo Vedovato che inizia a comprendere le difficoltà di questo campionato trovando di gara in gara la sicurezza che tutta la città gli chiede; domenica scorsa è uscito tra gli applausi, oggi in quasi 8 minuti di gara ha dato il suo apporto con grande convinzione. Monumentale Isaiah Armwood con i suoi 21 punti in 32 minuti e percentuali da capogiro: 100% da tre punti, 46% da due e ¾ dalla lunetta, con 9 rimbalzi, una stoppata e 4 assist. Confermano il buon momento di forma anche capitan Gigi Sergio e Diego Monaldi, entrambi in doppia cifra, coadiuvati dall’ottima prova di Allegretti, sempre al posto giusto nel momento giusto e da un superlativo Ivan Lilov, con 19 punti, 8 rimbalzi, una stoppata, 4 palle recuperate e 5 assist. Leggendo questi dati si evince chiaramente il gran lavoro di coach Galli e del suo staff su un gruppo di giovanissimi che stanno imparando sempre più a gestire le gare e a credere nelle proprie reali possibilità. Sul fronte marchigiano ha pesato soprattutto la prova incolore di Josh Greene, che ha chiuso con 10 punti e poco altro in 34 minuti. E’ chiaro che da un giocatore di questo calibro ci si aspetta molto di più. Ottime invece le prestazioni di Neiko Hunter e di Marco Santiangeli, rispettivamente con 24 e 21 punti e 6 rimbalzi per ciascuno. I ragazzi di coach Galli potranno finalmente concedersi un’intera settimana per preparare al meglio il match di domenica prossima contro una delle squadre più organizzate a livello giovanile: la Remer Treviglio. Forza Furie, non fermatevi. Domenica bisognerà riempire il PalaLeombroni come non mai!!!

TABELLINO: AURORA BASKET JESI-PROGER CHIETI 71-76

Aurora Basket Jesi: Greene 10 (2/5, 2/7 da tre), Hunter 24 (6/11, 4/6), Battisti, Lucarelli N.E., Schiavoni N.E., Janelidze 3 (0/2, 1/1), Leggio N.E., Paci 8 (3/7, 2/2 TL), Santiangeli 21 (2/3, 5/12, 2/2 TL), Picarelli, Ciampaglia N.E., Gueye 5 (1/4, 1/5)

Coach.: Maurizio Lasi

Proger Chieti: Piazza, Allegretti 7 (1/3, 1/3, 2/2 TL), Marchetti N.E., Sipala N.E., Piccoli 4 (2/3), Vedovato, Sergio 12 (2/3, 2/6, 2/2 TL), Lilov 19 (5/7, 3/8), Monaldi 13 (2/5, 3/9), Armwood 21 (6/13, 2/2, 3/4 TL)

Coach: Massimo Galli

Parziali: 23-16, 12-28, 16-14, 20-18

Tiri Liberi: Jesi 4/4, Chieti 7/8

Tiri da due: Jesi 14/33, Chieti 18/34

Tiri da tre: Jesi 13/32, Chieti 11/28

Assist: esi 12, Chieti 21

Palle Perse/Recuperate: Jesi 13/4, Chieti 11/11

Rimbalzi Difensivi/Offensivi: Jesi 20/9, Chieti 23/10

RISULTATI 16^ GIORNATA (1^ di Ritorno)

CENTRALE DEL LATTE BRESCIA-EUROPROMOTION LEGNANO 102-74

ANDREA COSTA IMOLA-BASKET RECANATI 84-64

AURORA BASKET JESI-PROGER CHIETI 71-76

DINAMICA MANTOVA-ETERNEDILE BOLOGNA 77-75

REMER TREVIGLIO-BAWER MATERA 107-59

DE’ LONGHI TREVISO-MEC ENERGY ROSETO 87-73

TEZENIS VERONA-ALMA TRIESTE 79-62

BONDI FERRARA-ORASì RAVENNA

CLASSIFICA

Centrale Del Latte Brescia 26

Andrea Costa Imola 24

De’Longhi Treviso 22

Dinamica Mantova 22

Tezenis Verona 20

Mec-Energy Roseto 18

Eternedile Bologna 16

OraSì Ravenna

Remer Treviglio 16

Proger Chieti 14

Alma Trieste 14

Europromotion Legnano 12

Bondi Ferrara

Aurora Basket Jesi 10

Basket Recanati 8

Bawer Matera 4

 

Prossimo Turno (Domenica 10/01/2016)

EUROPROMOTION LEGNANO-BONDI FERRARA

ORASì RAVENNA-AURORA BASKET JESI

BAWER MATERA-CENTRALE DEL LATTE BRESCIA

MEC ENERGY ROSETO-TEZENIS VERONA

BASKET RECANATI-DE’ LONGHI TREVISO

ALMA TRIESTE-DINAMICA MANTOVA

PROGER CHIETI-REMER TREVIGLIO

ETERNEDILE BOLOGNA-ANDREA COSTA IMOLA

Stefano Tortoreto

mercoledì 06 gennaio 2016, 21:52

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
jesi chieti
basket a2
risultati
tabellino
chieti basket
massimo galli
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Consumismo Americano

Società

di Benny Manocchia

Leggi americane

Storia

di Benny Manocchia

C'era una volta in America

Sport

di Benny Manocchia

Quando Pelé mi disse..

Storia

di Benny Manocchia

Playboy italo-americano