L'Aquila: ma la Corte d'Appello è a rischio o no?

Il sindaco Cialente garantisce: "Per tutte le informazioni da me raccolte, a mio parere non c'è alcun pericolo di soppressione". E attacca Liris e Piccinini

L'Aquila: ma la Corte d'Appello è a rischio o no?

CIALENTE: "NESSUN RISCHIO PER LA CORTE D'APPELLO". "Sul sito del Ministero della Giustizia, nell'affrontare il riassetto dei 26 distretti di Corte d'Appello, all'undicesimo dei 12 punti, non si parla assolutamente di soppressione di distretti con un sufficiente numero di abitanti e tanto meno ricadenti in importanti capoluoghi di Regione. In questa fase, finalmente, l'Italia si avvia ad una riforma della Giustizia, una delle cause più gravi di non competitività del Paese, per il recupero di efficacia ed efficienza e in quest' ottica si inserisce anche la riorganizzazione dei 26 distretti di Corte d'Appello". Parola del sindaco dell'Aquila, Massimo Cialente, che garantisce: "Per tutte le informazioni da me raccolte, a mio parere la Corte d'Appello dell'Aquila non corre alcun rischio".

MASSIMO E' CONTRO "I GIOVANI LEONCINI DEL CENTRODESTRA". Cialente si scaglia in particolare contro l'opposizione, dichiarando: "Mentre condivido la proposta del capogruppo Pd in Consiglio comunale Maurizio Capri di affrontare anche a livello regionale la discussione sulla riorganizzazione dell'assetto giudiziario italiano, trovo assolutamente fuori posto e della serie “voglio far sapere che esisto”, gli interventi dei giovani leoncini del centrodestra Liris e Piccinini sulla vicenda di una paventata soppressione della Corte d'Appello d'Abruzzo. Prima di parlare, infatti, si deve cercare di informarsi". Il primo cittadino ritiene che le forze democratiche che hanno veramente a cuore le sorti del Paese "dovranno assolutamente appoggiare il disegno del Governo". Per quanto riguarda i distretti di Corte d'Appello, il 29 agosto il Governo presenterà un progetto che affiderà come riflessione al Parlamento.

"Al contrario - dice Cialente - ritengo che forte della sua storia di Foro di grande tradizione e qualità, e a fronte del suo ruolo baricentrico di centro d'Italia, nonché il complesso e la qualità dei nostri uffici giudiziari, sui quali stiamo intervenendo con importanti investimenti andando a realizzare una vera e propria cittadella della Giustizia, in questa riorganizzazione, comprensiva della Giustizia e del suo assetto territoriale, la Città dell'Aquila saprà proporsi anche come riferimento per più ampie funzioni e riferimenti territoriali. Tra l'altro questo Governo, pur in presenza di terribili difficoltà economiche, è il primo che, dopo la tragedia dell'Aprile 2009, rivolge una fattiva attenzione al destino della Città e della sua ricostruzione soprattutto economica e sociale, ed è quindi neanche stato mai lontanamente neanche sfiorato dall'idea di cancellare la nostra Corte d'Appello".

Giulio Bertocciani

lunedì 25 agosto 2014, 15:18

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
cialente
politica
polemiche
laquila
cortedappello
Cerca nel sito

Identity