Kibbutz nei territori occupati

Israele decide 3.000 nuovi insediamenti: è la "provocazione" all'ammissione della Palestina all'ONU

Kibbutz nei territori occupati

ISRAELE DECIDE 3.000 NUOVI INSEDIAMENTI IN PALESTINA. Israele risponde con una rappresaglia all'ammissione della Palestina all'ONU. Il Governo di Netanyahu, all'indomani dell'ammissione della Palestina all'ONU come stato membro, annuncia la costruzione di 3.000 nuovi alloggi tra Gerusalemme Est e in Cisgiordania. La decisione annunciata è ancor più grave se si pensa che gli insediamenti in parte andranno ad inseririsi nella Zona E-1, tagliando in due la Cisgiordania.

L'IRA DELL'ONU E DI ABU MAZEN. Per il SegretarioGeneraledelle Nazioni Unite Ban Ki-Moon è "Un colpo quasi fatale ad ogni prospettiva di pace". Abu Mazen ha dichiarato che "Il riconoscimento dell'Assemblea Generale dell'ONU ha trasformato la Palestina in uno Stato sotto occupazione".

REAZIONI DI FRANCIA, UK E USA. Il segretario di stato Americano Hillary Clinton, ha criticato aspramente il Governo Isreliano. La Francia ha convocato l'ambasciatore di Israele per manifestare la "disapprovazione della Francia" e il Forein Office ha fatto sapere che ci sarà "una reazione forte" se Israele andrà avanti con gli insediamenti.

L'ARROGANZA DI ISRAELE. Per tutta risposta Netanyahu comunica " Israele continuerà a difendere i suoi interessi vitali anche arrivando a sfidare la pressione internazionale, non ci sarà alcun cambiamento nelle decisioni prese".

...E L'ITALIA? Il Governo italiano per bocca del Ministro degli Esteri Terzi dichiara di appoggiare la posizione dell'UE espressa da Cathrine Ashton che ha invitato Israele a rivedere le proprie posizioni.Tuttavia a differenza di Francia e Gran Bretagna, non ha convocato l'ambasciatore israeliano.

Clemente Manzo

martedì 04 dicembre 2012, 11:09

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
israele
territori
occupati
insediamenti
abu mazen
netanyahu
palestina
kibbutz
Cerca nel sito