L'Abruzzo: Jarno nel Cuore

Il pilota pescarese esce dalla F1, scaricato dai soldi dei russi. Indimenticabile il successo di Montecarlo nel 2004

L'Abruzzo: Jarno nel Cuore

JARNO NON E' PIU' IN F1 - La scuderia anglo-malese Caterham ha licenziato in tronco il pilota abruzzese Jarno Trulli, 37 anni, sostituendolo con il russo Vitaly Petrov, ex Renault. La decisione è maturata non perchè il pilota pescarese non fosse apprezzato, anzi il suo talento, sia in fase di sviluppo che nel rendimento gara è più che noto a tutti. Solo che il russo aveva da giocarsi un arma molto importante e cioè: i soldi degli sponso. Si vocifera di una dotazione di10 milioni di euro che il nuovo pilota porta in dote alla scuderia. Così il pilota di Pescara saluta dopo 256 GP disputati in una carriera cominciata nel 1997 con la scuderia faentina della Minardi, simbolo di un’altra Italia che non c’è più. L’apice alla Renault, dove nel 2004 vinse il suo unico GP a Monaco. Nel palmares anche 11 podi, 4 pole position e un sesto posto finale in classifica nel 2004. 

LO STILE DEL PILOTA PESCARESE - Dal canto suo Trulli, che aveva comunque il contratto in scadenza al termine della stagione, saluta e ringrazia con stile. “Capisco la scelta della squadra, e auguro loro il meglio per la stagione che sta per iniziare. Voglio ringraziare tutti in squadra per le due stagioni vissute insieme. Siamo partiti da zero, costruendo una solida squadra di Formula 1. Sono orgoglioso di averne fatto parte”. Il pilota di Pescara saluta dopo 256 GP disputati in una carriera cominciata nel 1997 con la scuderia faentina della Minardi, simbolo di un’altra Italia che non c’è più. L’apice alla Renault, dove nel 2004 vinse il suo unico GP a Monaco. Nel palmares anche 11 podi, 4 pole position e un sesto posto finale in classifica nel 2004. Nello stesso anno, durante il GP di Inghilterra a Silverstone, è protagonista di uno spettacolare incidente: il cedimento della sospensione posteriore lo fa sbattere contro le barriere protettive all’uscita della curva Bridge, la macchina compie due giri completi su se stessa e una capriola prima di fermarsi sulla sabbia. Trulli esce dall’abitacolo sulle sue gambe.

sabato 18 febbraio 2012, 11:15

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
jarno trulli
pilota
f1
pescarese
gp
montecarlo
abruzzo
cuore
I vostri commenti

Sandro Di Scerni

Indimenticabile anche per essere stato ispiratore e promotore del per fortuna (ancora) non realizzato Grand Prix One, un enorme mostro da appoggiare sull'alveo del fiume Pescara; quell'intervento avrebbe dato un degno completamento alla devastante distruzione dell'ecosistema fluviale, contribuendo a implementare la precarietà dello stesso dal punto di vista idraulico (il che significa, fuori dai tecnicismi, che oltre a distruggere la natura si creano i presupposti per incontrollabili alluvioni). Io non mi entusiasmo più per i campioni dello sport incapaci di esprimere adeguate culture comunitarie. Spartaco, grande campione dello sport, vincendo nell'arena si adoperò per una enorme (nel primo secolo inconcepibile) lotta per la civiltà. I campioni moderni sembrano essere interessati alla sola pecunia.

sabato 18 febbraio 2012, 11:38

Cerca nel sito

Identity