Io sono vegetariano

Le ragioni del vegetarianesimo: una scelta vincente e gioiosa dal punto di vista etico, alimentare ed ambientalista. Esempi: bastano Gesù e Gandhi?

Io sono vegetariano

«SALVA UNA PIANTA, MANGIA UN VEGANO»  - La mia amica Lucilla ha pubblicato una simpatica foto sulla mia pagina Facebook, che ritrae un muro con la scritta: «Salva una pianta, mangia un vegano». Pur non sentendomi direttamente chiamato in causa, visto che sono un semplice vegetariano (mangio cioè – a differenza dei vegani - anche uova, latte e formaggi), ho pensato di approfittare di questa giornata nevosa per aderire all’invito rivoltomi dal (sub)direttore di Abruzzo Independent, Marco Manzo, e scrivere su questo bel quotidiano on line alcune riflessioni sulla mia scelta alimentare, che pratico all’incirca da quattro anni. Ci siamo conosciuti in piscina, Marco ed io, e lui mi ha ascoltato mentre stavo confidando ad un amico di non essere ingrassato durante le vacanze di natale, visto che, ai pranzi e alle cene comandate, le portate dirette a me (e a mia moglie, anche lei vegetariana) erano ben inferiori rispetto a quelle totali, composte prevalentemente da carne e pesce. Così, mentre si asciugava i capelli nello spogliatoio, Marco mi ha detto: «Perché non scrivi qualcosa sulla tua vita da vegetariano?»

UNA VITA MIGLIORE? CERTAMENTE SI' - La foto di Lucilla fa parte di questa vita, che è  - contrariamente a quanto si possa pensare – una bella vita, priva di sensazioni di rinuncia. Però le apprensioni di mia madre, che continuamente mi chiede di farmi le analisi del sangue, e l’ironia degli amici, sintetizzate nella battuta del mio amico Mino: «La scelta vegetariana è perdente» (detta mentre coi denti sfilava gli arrosticini dallo stecchino) mi invogliano a dire la mia, dopo quattro anni di vegetarismo. E’ bene chiarire subito una cosa, a scanso di equivoci: lungi da me l’idea di fare proselitismi. Non ho alcuna avversione nei confronti di chi mangia carne (e pesce, anch’esso fatto di carne), anche perché io stesso per la maggior parte della mia vita ho avuto un’alimentazione onnivora, e non penso che quattro anni fa ero una persona malvagia. Penso di poter dire, però, di avere fatto dei passi in avanti verso un miglioramento del mio livello di vita, soprattutto sotto l’aspetto morale e spirituale. Perché è di questo che stiamo parlando: non di una scelta alimentare, ma di una scelta di vita.

LE RAGIONI DEL VEGETARIANESIMO - Basta fare una rapida ricerca su internet, e si scopre che possono essere molte le ragioni del vegetarianesimo: si va da quelle etiche, a quelle salutistiche fino a quelle ambientalistiche. Si legge ormai dovunque che le diete vegetariane determinano una minore esposizione a tumori, diabete, malattie dell’apparato cardiovascolare. Chi approfondisce queste tematiche scopre anche che le diete a base di carne comportano enormi sprechi di risorse necessarie per mantenere gli allevamenti intensivi, con distruzioni di foreste e terreni fertili per foraggiare gli animali, soprattutto nel terzo mondo. Io non so se queste stime e questi studi siano attendibili. Posso dire che non sono queste le ragioni che mi hanno portato a fare la mia scelta, ma quelle altre, sicuramente più antiche e profonde, che rimandano, come detto, a principi morali e spirituali.

ANCHE GESU', GANDHI E GLI ALTRI GRANDISSIMI - E’ abbastanza noto che molti movimenti spirituali e religiosi, soprattutto orientali (induismo, giainismo, buddismo, taoismo), sono di tradizione vegetariana. Meno noto è che anche nel mondo occidentale vi sono stati gruppi di individui convinti del valore del vegetarismo. Nell’antica Grecia vi erano molti vegetariani (il più famoso di questi fu certamente Pitagora). Anche il cristianesimo, secondo gli studi più attendibili, alle origini faceva del vegetarianesimo uno dei fondamenti della sua dottrina. Il quinto comandamento infatti dice «non uccidere», concetto più ampio del «non uccidere gli esseri umani». E per quanto riguarda il Nuovo Testamento, c’è da dire che, secondo un “Vangelo secondo Giovanni” tramandato dagli Esseni e dalle Chiese cristiane d’Oriente, Cristo ha insegnato l’assoluta non violenza anche nei confronti degli animali. I primi cristiani, dunque, erano probabilmente vegetariani, ma le cose cambiarono quando il Cristianesimo divenne la religione ufficiale dell’Impero Romano. Come noto, durante il Concilio di Nicea, molti documenti cristiani originali vennero alterati, e tra le varie cose venne eliminato ogni riferimento al non mangiare carne, pratica non congeniale all’imperatore Costantino. Tuttavia, anche in seguito, gran parte dei santi cristiani furono vegetariani (tra tutti, voglio ricordare San Francesco, che predicò l’amore per tutte le creature viventi). E nel 1990 Papa Giovanni Paolo II, proprio commentando la Bibbia, ha affermato: «Non solo nell’uomo, ma anche negli animali c’è un soffio divino». Da tale considerazione dovrebbe scaturire il generale divieto di uccidere gli animali, oltre che il pungolo per una riflessione più attenta sulle nostre scelte di vita.

Tutte le religioni e tutti i movimenti spirituali, d’oriente e d’occidente, tendono infatti verso lo stesso concetto di "Non violenza", declinato in forme diverse.

STOP ALLA VIOLENZA SUGLI ANIMALI - La non violenza non è la mera astensione dall’uso della forza bruta, ma è un modo di vivere cercando di sottrarsi a quella legge materiale che ci porta istintivamente alla nostra affermazione sul prossimo. Dove il prossimo deve essere inteso non solo come il prossimo “umano”, ma come tutti gli esseri capaci di soffrire. E’ questo il principio gandhiano della ahimsa, che lo stesso Mahatma Gandhi traduce spesso con la parola “amore”, e che poi è lo stesso amore che viene predicato nel cristianesimo e che vale nei confronti di tutti gli esseri viventi, indipendentemente dalla specie cui appartengono. Dunque, se uno ha o sviluppa questa visione delle cose, non può che essere vegetariano. Ecco, allora, che la rinuncia alla carne diventa gioiosa, e nessuna battuta sulla «scelta vegetariana perdente» potrà scalfire il desiderio di sentirsi in pace con il mondo.

OBIEZIONI? - Rimane però l’obiezione, perfida, contenuta nella simpatica scritta «Salva una pianta, mangia un vegano». Perché, a fronte di chi vuole salvare gli animali, ci può essere anche chi vuole salvare le piante, nutrendosi solo di carne, pesce, latte, uova, formaggi e frutta! Potrei rispondere, semplicisticamente, che le piante non hanno un sistema nervoso e la loro uccisione non comporta la stessa sofferenza che si infligge agli animali. Ma voglio aggiungere qualcosa in più: e cioè, che la non-violenza è un concetto-limite, a cui si tende senza mai raggiungerla. Vistoche devo nutrirmi, elimino la sofferenza maggiore data dall’uccisione degli animali, riducendo (ma non eliminando) il mio inevitabile impatto sul mondo. Sarebbe certamente più coerente con un modello di vita non-violento nutrirsi solo di frutta e semi (qualcuno lo fa), ma – a parte le implicazioni per la salute derivanti da una dieta così squilibrata – una tale scelta mi pare davvero estrema. Invece la scelta vegetariana, se ben equilibrata, non opera alcuna restrizione sui macronutrienti di cui il nostro organismo ha bisogno, e può essere gustosissima, come testimoniano le foto dei piatti che mi cucina mia moglie, che ha un seguitissimo blog di cucina vegetariana (www.cucchiaiopieno.com). E ora, per favore, smettetela di compatirmi perché non mangio più gli arrosticini!

Michele Pezone

sabato 05 aprile 2014, 10:40

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
michele pezone
vegetariano
carne
non violenza
pianta
animali
vegano
latte
uova
formaggio
alimentazione
gandgi
wwwcucchiaiopienocom
abruzzo independent
marco manzo
direttore
subdirettore
I vostri commenti

Massimo

Giuro non è per fare polemica, ma ti chiedo: come puoi dire STOP ALLA VIOELNZA SUGLI ANIMALI ed allo stesso tempo consumare uova e latticini? Per produrre uova latte e formaggi si usano miliardi di animali come macchine. Mucche e galline subiscono violenze inaudite per produrre latte uova e formaggio. Ci sono in rete infinite documentazioni. Essere vegetariano è uno splendido inizio, ma per fermare la violenza sugli animali purtroppo non è sufficiente.

giovedì 31 maggio 2012, 23:52

mimmo

non credo che i cristiani, nemmeno i primi siano mai stati vegetariani e nemmeno che il comandamento non uccidere sia riferito agli animali che già esistevano quando Iddio soffiò in Adamo. Le tavole vennero ricevute da Mosè sul Monte Sinai durante la fuga dall'Egitto, durante la fuga dopo la manna dal cielo, si ebbero le quaglie, il vitello d'oro perchè l'adoravano? Inoltre dopo Mosè venne Giosuè che alla presa di Gerico sacrificò gli abitanti con tutto il loro bestiame, esempi ve ne sono a non finire. Credo che l'articolo sia anche ipocrita poichè dice di non voler far proselitismo e invece ci prova eccome. Non dico di mangiare i vegani e ne tantomeno i vegetariani, chi lo fa è per questioni di gusto ma non sta meglio, forse neanche peggio ma per tutelare la libertà e la tolleranza è preferibile rimanere onnivori, non ci si scandalizza della caccia, della pesca, dei rodei, delle corse di cavalli, delle corride e neanche delle mattanze dei tonni, tutte cose naturali e spettacolari.

giovedì 16 febbraio 2012, 22:52

Michele Meomartino

L'articolo di Michele Pezone è condivisibile. Sono vegetariano da 28 anni e presiedo l'associazione vegetariana d'Abruzzo e ben conosco le argomentazioni degli amici onnivori. La diffidenza verso uno stile di vita vegetariano è frutto di pregiudizi e stereotipi culturali. Basterebbe un po' di informazione in più per un sano e profiguo confronto che elevi la consapevolezza di tutti. Mi fermo qui per non abusare di questo spazio, ma mi rendo disponibile per coloro che vogliono saperne di più. Per info: michelemeomartino@tiscali.it

sabato 11 febbraio 2012, 16:46

Cerca nel sito