Intervista a Marchionne, l'abruzzese a capo di Fiat e Ferrari

Il nostro Benny Manocchia ha incontrato a Toronto il 62enne manager originario di Cugnoli. Tra sigarette e musica classica il racconto di un abruzzese che ce l'ha fatta

Intervista a Marchionne, l'abruzzese a capo di Fiat e Ferrari

INTERVISTA A SERGIO MARCHIONNE. Sergio Marchionne si presentò così: "Ti dico subito che non mi fido molto dei giornalisti". Poi sorrisi, un sorriso largo, la bocca piena di fumo di sigarette. Mozziconi a iosa sul portacenere del suo tavolo di lavoro. Nel sottofondo musica classica. Toronto era immersa nel freddo, come quasi sempre da ottobre a aprile. Il suo termosifone era spento e lui indossava un maglione nero, che da quel momento in poi gli vidi addosso a New York e in Italia. "Ne ho una dozzina" mi spiegò quasi apologetico. In sostanza una persona che puoi apprezzare ma forse anche - di tanto in tanto - giudicare aspramente. Forse. Ma c'è poco da criticare per quanto riguarda la sua eccezionale qualita' di businessman. Quando prende una strada non puoi iimpuntarlo. "Che ci vuoi fare, sono abruzzese - spiegò - sorridendo. Iacocca, quando era presidente della Chrysler, chiese al governo di Washington un prestito di dieci milioni di dollari. In pochi mesi raddrizzò la morente casa di Detroit e ripagò prima del tempo richiesto il debito con il governo USA. "Già - commentò Sergio (chiamami pure Sergio, se vuoi, mi disse ma non capii se stesse scherzando). "Se in Italia facessero così, non ci sarebbero problemi perchè l'Italia ha capacità e ottime menti per fare affari".  Piano piano salì i gradini della Fiat, la raddrizzò, un pò alla volta fece acquistare le azioni Chrysler e oggi è riuscito a mettere assieme un gigante dell'industria delle auto. E dell'Abruzzo che pensava? "Mio padre era di Cugnoli, quando diceva "fai questo" tu lo facevi. Capito? L'Abruzzo è uno dei più interessanti luoghi della nostra penisola. Quando lasciai l'Italia per il Canada a 14 anni, scoppiai a piangere ma mi nascosi, non volevo farmi vedere da nessuno". Oggi ha preso in mano la Ferrari. Si è adirato con Montezemolo perche' sono sei anni che la rossa non vince. Così ha deciso che prenderà le redini della gloriosa casa di Maranello e...d'accordo. Tuttavia Marchionne con la Fiat-Chrysler è impegnato virtualmente notte e giorno. La Ferrari chiede attenzione particolare dovrà (dovrebbe) girare il mondo per 9 mesi dell'anno. Nessuno ne ha parlato. Ma esiste la convinzione di questo cronista che Sergio Marchionne prima o poi (prima che poi) dovrà affidare i compiti per la gloriosa macchina rossa a un tecnicio esperto. Perchè se è vero che nella sua testa ronzano cento e più idee per mettere assieme business di alto gradimento, è anche vero che Sergio non può scomporre il suo cervello in due. A 62 anni (anche se portati bene) l'uomo puo' concentrarsi su una sola cosa. Sbaglio?

Benny Manocchia

giovedì 11 settembre 2014, 23:58

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
sergio
marchionne
ferrari
fiat
intervista
cugnoli
abruzzese
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Consumismo Americano

Società

di Benny Manocchia

Leggi americane

Storia

di Benny Manocchia

C'era una volta in America

Sport

di Benny Manocchia

Quando Pelé mi disse..

Storia

di Benny Manocchia

Playboy italo-americano