Interrogazione parlamentare sul "treno lumaca": da Pescara a Roma ci vogliono 4 ore

Trenitalia ha da tempo annunciato un treno veloce sulla relazione ferroviaria con la Capitale

Interrogazione parlamentare sul "treno lumaca": da Pescara a Roma ci vogliono 4 ore

IL TRENO LUMACA PESCARA ROMA. Riceviamo e pubblichiamo l'interrogazione al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Del Rio presentata dal deputato abruzzese Gianni Melilla il quale ha chiesto di sapere che tipo di provvedimenti adotterà il Governo Renzi per fare fronte alla 'lentezza' estrema del collegamento su rotaia tra l'Abruzzo ed il Lazio ed in particolare con la Capitale d'Italia Roma, cioè un problema atavico di debolezza infrastrutturale della nostra Regione Abruzzo e del nostro Paese ancora carente di un collegamento tra le due sponde del Belpaese, dal Tirreno al Mare Adriatico..

Di seguito il testo completo a firma di Sinistra, Ecologia e Libertà:

"Trenitalia ha da tempo annunciato un treno veloce sulla relazione ferroviaria Pescara Roma, ma di questa promessa si sono perse le tracce, anzi i tempi di percorrenza di questa tratta ferroviaria tra l'Abruzzo e la Capitale sono ulteriormente aumentati e oggi si impiegano 4 ore per coprire una distanza di appena 200 kilometri;
i vecchi "Rapidi" del secolo scorso ci mettevano 3 ore da Pescara a Roma, cioè un'ora in meno, e dunque siamo in presenza di scelte di Trenitalia inaccettabili e irrazionali che penalizzano fortemente i viaggiatori abruzzesi e e laziali;
eppure basterebbe un minimo di buona volontà per migliorare il servizio e riavvicinare una utenza ormai scoraggiata e delusa: innanzitutto si dovrebbero eliminare le fermate inutili sia nel territorio abruzzese che in quello laziale, almeno per quanto riguarda i collegamenti della prima mattinata e del tardo pomeriggio, nel secolo scorso il rapido fermava solo a Chieti, Sulmona, Avezzano e Tivoli, ora invece le fermate abruzzesi sono 8 e nel Lazio ancora di più pur essendo scarsamente utilizzate;dovrebbero poi essere utilizzati treni più veloci e meno vecchi, sporchi e senza servizi, che peraltro spesso subiscono guasti durante il tragitto con enormi disagi per gli utenti; dovrebbe essere attivato il controllo centralizzato del traffico, specialmente nel tratto Sulmona-Avezzano;
il sospetto è che Trenitalia stia portando alla morte la relazione Pescara Roma, come ha già fatto con l'altra relazione Pescara Napoli soppressa alcuni anni fa, nonostante il suo interesse sociale ed economico-turistico;
-:
se corrisponda al vero la decisione di Trenitalia di attivare un treno veloce sulla Pescara Roma e quali iniziative intenda assumere nei confronti di Trenitalia che nei fatti sta affossando questa fondamentale relazione tra l'Abruzzo e il Lazio a tutto vantaggio del trasporto privato su gomma con evidenti danni economici, ambientali e sanitari per le popolazioni interessate".
Redazione Independent

martedì 27 settembre 2016, 13:04

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
pescara roma
treno
notizie
interrogazione
trenitalia
melilla
Cerca nel sito