Inquinamento, Chiodi tace?

Preoccupa la qualità dell'aria a Chieti Scalo. Uno studio dell'università di Siena denuncia la presenza di 32 sostanze inquinanti su 54

Inquinamento, Chiodi tace?

Antonio Saia, Consigliere regionale del Partito dei Comunisti Italiani e Maurizio Acerbo, Consigliere regionale di Rifondazione Comunista, hanno presentato un'interrogazione al Presidente della Regione Abruzzo Gianni Chiodi circa lo stato di salute dell'aria a Chieti Scalo"Il Wwf e il Comitato Villablocc di Chieti Scalo - si legge nell'interrogazione a firma dei due consiglieri regionali  - hanno commissionato all’Università di Siena uno studio sulla qualità dell’aria a Cheti Scalo, di cui ora sono stati pubblicati i dati definitivi. La ricerca, infatti, prevedeva un campionamento avvenuto attraverso l'uso di particolari campionatori passivi installati in due punti diversi di Chieti Scalo; l'università di Siena, ha provveduto ad un'analisi per trimestri dei contaminanti accumulati nei filtri posti nei campionatori". Questa tecnica, secondo i promotori dello studio, si sta sviluppando in maniera sempre più ampia, anche con la collaborazione di Regioni e province italiane, perchè poco costosa rispetto alle normali centraline che, peraltro, non offrono solitamente la possibilità di ricercare un ampio spettro di contaminanti. "I risultati ottenuti - si legge - dimostrano che l'aria di Chieti Scalo contiene un miscuglio di sostanze inquinanti: inbfatti, sono stati trovati 32 contaminanti su 59 sostanze cercate".

LE SOSTANZE TOSSICHE - Secondo la ricerca sono state rilevate, tra l’altro, alte concentrazioni dei pericolosi Policlorobifenili (PCB), sostanze che si bioaccumulano progressivamente, e alte concentrazioni di un insetticida, il Clorpirifos, recentemente proibito dall'Agenzia americana per l'Ambiente per tutti gli impieghi non agricoli perchè può provocare iper-eccitazione del sistema nervoso in particolare nei bambini. Inoltre è stata riscontrata la presenza, in alte concentrazioni rispetto ad altri siti monitorati con la stessa tecnica, di Esaclorocicloesano. Sono stati registrati, inoltre, picchi elevati di Idrocarburi Policiclici Aromatici (fino a 35.000 picogrammi/mc). Tutte queste sostanze, che non si vedono, hanno effetti devastanti sulla salute umana . 

L'INTERROGAZIONE A CHIODI - Di seguito le domande ufficiali presentate dai Cosiglieri firmatari dell'Interrogazione:

  1. Quali interventi urgenti intende porre in essere per superare questa grave situazione di pericolo per la popolazione?
  1. Quale è la situazione della qualità dell’aria nella Regione Abruzzo?
  2. Quale è lo stato dell'applicazione del Piano della Qualità dell'Aria approvato nel 2007 dalla Regione Abruzzo (a mero titolo di esempio, per il catasto delle emissioni; per il monitoraggio di sostanze quali IPA, PM2,5 ecc.)?
  3. Quale è stata la risposta della Regione Abruzzo alla diffida del Wwfirca le inadempienze del Piano della Qualità dell’Aria?
  4. Su quali basi, rispetto agli obblighi di cui all'Art.271 del D.lgs 152/2006 e ss.mm.ii. si continuano a rilasciare nuove autorizzazioni alle emissioni o a rinnovare quelle già rilasciate, ivi comprese le autorizzazioni a grandi interventi urbanistici (ad esempio, centri commerciali)?
    he comportano aumento di traffico e quindi di emissioni?

 

venerdì 14 ottobre 2011, 16:36

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
inquinamento
chieti scalo
universit di siena
saia
acerbo
abruzzo
consiglieri regionali
chiodi
regione abruzzo
aria
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?

Società

di Silvia Cipolloni

Wistleblowing!

Sport

di Benny Manocchia

Ciao Italia!